• Articolo , 22 novembre 2010
  • Dall’Air Force One all’auto elettrica, la sostenibilità contagia anche Obama

  • Il presidente Usa, a margine del vertice NATO di Lisbona, ha voluto testare un’auto elettrica prodotta dalla General Motors sottolineando come le auto elettriche potranno rappresentare a breve la mobilità del futuro

(Rinnovabili.it) – Abituato a viaggiare su mezzi decisamente poco ecologici come l’Air Force One e ad essere seguito da una lunga scorta di potentissime auto, anche il presidente degli Stati Uniti sembra essersi stancato della mobilità del passato. Convinto sostenitore di una svolta “elettrica” per il trasporto del futuro, Obama ha scelto la cornice del vertice NATO di Lisbona per dare il buon esempio e mettersi alla guida di una electric car. Una prova su pista che è stata organizzata proprio a margine del summit internazionale che si è tenuto in Portogallo la scorsa settimana e che ha visto il presidente Usa alla guida di una Opel Ampera che era stata esposta negli spazi del meeting. Il veicolo, che è stato prodotto dalla General Motors di Detroit, è stato guidato dal presidente Usa per qualche minuto.
Una volta conclusa la prova su strada, Obama ha anche autografato il pannello posteriore dell’auto nel lato del conducente, prima di dedicarsi a una visita “più approfondita” anche del vano bagagli. “Questa auto – ha poi commentato – è un esempio della tecnologia GM che avrà un grande appeal qui in Europa e la nostra speranza è che questo mercato si consolidi”.
Obama non ha nascosto la sua soddisfazione per le prospettive di crescita e diffusione dei veicoli elettrici su scala mondiale, sottolineando ai microfoni dei cronisti come le auto elettriche per lui “rappresenteranno le auto del futuro”. Un futuro in cui Barak Obama vuole fare delle auto elettriche il settore traino per dare corso al suo ambizioso programma di rilancio dell’economia, svincolandosi dalla eccessiva dipendenza dal petrolio. Il presidente Usa, infatti, vorrebbe far diventare circa un milione le auto elettriche ibride e plug-in circolanti sulle strade degli Usa da qui al 2015. Durante il summit NATO di Lisbona anche altri leader hanno scelto di spostarsi con auto elettriche anche se è stata la guida del presidente Usa ad aver attratto più flash di tutti.