• Articolo , 19 marzo 2008
  • Dall’allarme globale ad una politica globale

  • Mikhail Gorbaciov aprirà la conferenza riguardante le sfide che l’umanità dovrà affrontare nei prossimi anni, specie sul piano ambientale

Il cambiamento climatico, la crisi degli ecosistemi, il consumo eccessivo e insostenibile di energia, le devastazioni e la rarefazione delle risorse idriche: saranno questi i temi che i partecipanti al “From Global Warning to Global Policy” si troveranno ad affrontare il 28 e 29 marzo a Torino. Ad aprire la conferenza Mikhail Gorbaciov, che insieme con Ashok Khosla, Co-Presidente del Club di Roma ed a Corrado Clini, Direttore Generale del Ministero Italiano per l’Ambiente, illustrerà gli obiettivi ed i risultati attesi dell’incontro internazionale. L’incontro, organizzato dal World Political Forum e dal Club di Roma ha come obiettivo l’analisi delle maggiori questioni che l’umanità si troverà ad affrontare nei prossimi anni, soprattutto sul piano ambientale, cercando di indicare possibili soluzioni da prendere a livello mondiale, sul piano politico istituzionale. Prenderanno parte alla conferenza più di 50 note personalità provenienti da tutti i continenti del mondo, del calibro di Mohan Munasinghe, Vice-Presidente dell’IPCC e Premio Nobel per la Pace nel 2007 e Ruuds Lubbers, già Primo Ministro dei Paesi Bassi e membro dell’Earth Charter Initiative (Paesi Bassi).