• Articolo , 31 agosto 2007
  • Dalla Merkel compromesso sul clima

  • Taglio delle emissioni dei Paesi industrializzati e crescita di quelle relative ai Paesi in via di sviluppo. Questo il piano di Angela Merkel per tentare di mettere d’accordo tutti

La ricetta del cancelliere tedesco Angela Merkel sui cambiamenti climatici prevede una sorta di bilanciamento delle emissioni climalteranti, a vantaggio dei Paesi in via di sviluppo. La Merkel suggerisce che si debba permettere a questi Paesi di aumentare fino a livelli stabiliti la propria percentuale di emissioni di Co2 pro capite, mentre quelli industrializzati dovrebbero tagliare le loro, fino a che si raggiunga una sorta di “parità” nelle quote emesse. “La questione è: fino a che punto possiamo coinvolgere i Paesi in via di sviluppo, e che tipo di misure dobbiamo adottare per creare un mondo più giusto?”, ha detto il cancelliere tedesco. La proposta è già stata preannunciata ai governanti cinesi in un incontro avvenuto prima del viaggio in Giappone, e, secondo fonti della delegazione tedesca, non ha ricevuto giudizi entusiasti. (fonte Ansa)