• Articolo , 25 febbraio 2010
  • Dalla Svizzera arriva Self, la casa autosufficiente

  • Il Laboratorio di ricerca svizzero, in collaborazione con DuPont Building Innovations, ha progettato un innovativo modulo abitativo energeticamente autonomo

(Rinnovabili.it) – Per la realizzazione di questa innovativa dimora è stato impiegato il rivoluzionario materiale Il progetto è stato presentato da “Empa”:http://www.empa.ch/self/ (Laboratorio federale svizzero di prove dei materiali e di ricerca) alla fiera Swissbau in mostra tutto l’anno a Basilea. Gli ideatori del concept-demo sono due laureati della Zurich Universit of the Arts che dal 2008 hanno lavorato alla progettazione di Self in un gruppo di lavoro di Empa sotto la direzione di Mark Zimmermann. “Servirà a provare che, anche in condizioni difficili, è possibile realizzare un’abitazione o uno spazio di lavoro sostenibile e confortevole” spiega Mark Zimmermann a proposito di Self. Si tratta di un modulo abitativo trasportabile, grande quanto un container, dotato di una camera da letto, un bagno ed una cucina; adatto ad ospitare due persone, si presta soprattutto come zona di lavoro, perfetto per laboratori mobili, ma anche come residenza temporanea. L’unità è strutturata in modo tale da essere autosufficiente per quanto riguarda l’approvvigionamento di acqua ed energia, isolata mediante isolanti sottovuoto ed aerogel, e protetta dal caldo e dal freddo grazie al materiale a cambio di fase DuPont Energain come massa termica in grado di mantenere costanti le temperature degli interni al fine di ottenere ambienti confortevoli durante tutte le stagioni.
Rispetto ad un pannello di 5 mm del suddetto prodotto ad una temperatura compresa tra 18-24°C il cemento offre solamente il 17% della capacità energetica. I pannelli solari disposti sul tetto del container serviranno a produrre energia elettrica, che prima di essere utilizzata viene immagazzinata in batterie LiPo (batterie litio polimero). Per ciò che concerne il rifornimento idrico, Empa in collaborazione con Eawag (Istituto Svizzero per la Scienza e la Tecnologia dell’Acqua), ha dotato Self di un sistema per il trattamento dell’acqua piovana che consente di purificarla e riciclarla. Parliamo quindi di un sensazionale progetto a basso consumo energetico e impatto ambientale, per chi fosse interessato avrà l’occasione di vederlo esposto in numerose fiere in tutta Europa.