• Articolo , 27 aprile 2011
  • Dalla World Bank 330 mln all’idroelettrico vietnamita

  • Un aiuto dalla World bank affinchè il Vietnam riesca a soddisfare, almeno in parte, il fabbisogno enenrgetico del paese. Con 330 milioni di dollari si punta ad arricchire il mix energetico del paese limitando al massimo l’impatto ambientale

(Rinnovabili.it) – Il consiglio di Amministrazione della World Bank ha approvato un nuovo prestito da 330 milioni di dollari al Vietnam,a supporto del progetto idroelettrico Trung Son (TSHPP) per andare incontro al bisogno energetico e al contempo garantire ai campi il giusto quantitativo di acqua, necessario alla crescita delle coltivazioni, a vantaggio delle comunità rurali della provincia vietnamita di Thanh Hoa.
Il consumo elettrico del paese è cresciuto del 15% l’anno negli ultimi anni e il progetto idroelettrico in questione, per una potenza istallata di 260 MW, contribuirà a soddisfare la crescente domanda energetica proteggendo l’ambiente e la biodiversità dell’area.
Attraverso il progetto, la World Bank si occuperà anche di fornire supporto tecnico alla Vietnam Electricity affinchè si riescano a migliorare le prestazioni e i progetti idroelettrici in programma nel paese. “Trung Son contribuirà al mix energetico del Vietnam e alla sicurezza dell’approvvigionamento come parte della soluzione a basso costo per soddisfare il fabbisogno energetico del paese. Inoltre, contribuirà anche all’agenda relativa al cambiamento climatico, evitando circa 1 milione di tonnellate di emissioni di CO2 all’anno” ha dichiarato Victoria Kwakwa, Country Director per il Vietnam alla Banca Mondiale.
“L’impegno della Banca Mondiale verso l’energia idroelettrica è parte integrante del suo approccio allo sviluppo. Con 1,4 miliardi di persone che non hanno accesso all’elettricità a livello mondiale e l’impatto sempre più evidente dei cambiamenti climatici, l’energia idroelettrica, – quando prodotta in maniera corretta –offre una conveniente e affidabile fonte pulita di elettricità per aiutare l’impulso alla crescita, alla riduzione della povertà e allo sviluppo sostenibile”, ha detto la Kwakwa.