• Articolo , 13 dicembre 2010
  • Danimarca: l’economia domestica dà il benvenuto alle fuel cell

  • Risø DTU, Fuel Cell Topsoe e la società Dantherm Power hanno stipulato un accordo di cooperazione strategica a lungo termine per portare sulla grande distribuzione piccole centrali di cogenerazione a SOFC che risolvano le necessità energetiche delle famiglie danesi

(Rinnovabili.it) – Riuscire ad auto-produrre in casa l’energia termica ed elettrica di cui si necessita senza inquinare è il sogno di molti. Per il centro di ricerca Risø DTU si tratta invece solo di una questione di tempo. Nei laboratori danesi, infatti, da oltre 20 anni si stanno studiando le potenzialità celle a combustibile a ossidi solidi (SOFC). Queste fuel cell hanno il vantaggio di produrre energia con un’efficienza molto alta e quindi con meno emissioni di carbonio per ogni kWh prodotto. Piatte e sottili come un foglio di carta, le SOFC hanno dimostrato una maturità tale da renderle uno dei cavalli su cui puntare nella corsa tecnologica verso un futuro più pulito.
Ora, grazie al lavoro coordinato tra Risø DTU, Fuel Cell Topsoe e la società Dantherm Power, la Danimarca sarà il palcoscenico per un progetto che vede le SOFC future protagoniste del fabbisogno domestico. L’intenzione, annunciata in questi giorni dalla stessa Dantherm Power, è quella di vendere “micro” impianti a base di celle a combustibili solidi (la grandezza è pressappoco quella di un frigorifero di taglia maxi) come centrali ecocompatibili per le abitazioni private.
Il progetto è ancora nella sua fase prototipale. “Al momento, stiamo sviluppando impianti compatti di micro cogenerazione, simili alle convenzionali caldaie a gas. C’è di nuovo che queste micro centrali producono tutta l’energia di cui la casa ha bisogno”, spiega Jesper Themsen, direttore tecnico di Dantherm Power. “Nell’ottobre 2010, abbiamo prodotto due sistemi che metteremo in funzione tra utenti professionali, come idraulici o elettricisti, persone quindi con esperienza nel settore che ci possano aiutare a risolvere i problemi che sorgono spontaneamente con questi impianti durante le prime fasi”.
Le istallazioni saranno dotate di una capacità di 1 kW elettrico e di 1 kW termico e saranno alimentate da gas naturale. Dantherm Power si aspetta di avere sette impianti di micro cogenerazione in funzione nei primi mesi del 2011, con la convinzione che entro il 2015 molte delle famiglie danesi potranno dotarsi di micro impianti di cogenerazione a base di SOFC, con dimensioni non maggiori di una lavastoviglie. I carburanti saranno inizialmente gas naturale e metanolo, per poi passare anche ai biocarburanti.