• Articolo , 9 novembre 2010
  • DECC, pubblicato il nuovo Business Plan 2011-2015

  • Whitehall pensa al futuro e pubblica il nuovo piano d’azione green concentrandosi sul risparmio energetico e il sostegno per i consumatori in difficoltà. Azioni ambiziose e concrete per limitare i cambiamenti climatici nel paese come all’estero e gestire il patrimonio energetico in maniera responsabile

(Rinnovabili.it) – Il Dipartimento dell’Energia e Cambiamento Climatico (DECC) ha pubblicato il business plan delineando le prospettive relative al prossimo quinquennio e fissando le scadenze delle politiche in atto.
Il piano, in linea con i documenti che stanno redigendo anche gli altri dipartimenti di Whitehall, porta alla definizione di quanto sta avvenendo anche a carico degli investimenti supportati dalla Green Investment Bank e in relazione al primo progetto dimostrativo di cattura e stoccaggio del carbonio.
Per quanto riguarda la Green Bank il dipartimento del business ha confermato che le linee guida definitive saranno pubblicate entro maggio del prossimo anno mentre, per quanto riguarda gli staff e gli uffici, le indicazioni saranno disponibili entro la fine del 2011 per poi assistere al lancio del piano generale e completo degli investimenti nel settembre del 2012.
Per l’annuncio del vincitore del miliardo messo in palio per la realizzazione del progetto di CCS bisognerà invece aspettare dicembre dell’anno prossimo e vedere se si aggiungeranno nuovi concorrenti all’unico attualmente in gara, la Scottish Power con il progetto Longannet. Visto l’impegno dichiarato, il dipartimento cercherà di attrarre nuovi partecipanti al fine di raggiungere l’obiettivo prefissato che auspica la realizzazione di quattro nuovi impianti di cattura e stoccaggio entro il 2020. In questo modo potranno proseguire le consultazioni con i Paesi esteri al fine di sviluppare partnership energetiche che siano in grado di rafforzare l’approvvigionamento di gas e petrolio oltre che nuovi accordi nel settore della generazione di energia da fonte rinnovabile e per la diffusione di siti di stoccaggio del carbonio.

A carico del Ministero dei trasporti l’impegno si sta palesando nella progettazione della ferrovia ad alta velocità che dovrebbe essere completata entro la fine del 2011. Il dipartimento dovrà poi concentrarsi sulla realizzazione di un piano per la sostenibilità dell’aviazione da portare a termine entro il 2012 cercando di ridurre la produzione di emissioni dannose senza compromettere la velocità e la capacità degli aeroplani.
Il piano di lavoro del Defra, il Dipartimento per l’Ambiente, il Cibo e gli Affari Rurali ha altresì confermato l’intenzione di pubblicare entro Aprile il _Natural Environment White Paper_ al fine di valorizzare e quantificare il capitale naturale della nazione per verificare quanto e in che modo gli ecosistemi possano contribuire all’economia del paese.
A tal proposito David Cameron ha dichiarato come grazie a questi nuovi piani di gestione ci si stia avvicinando ad una linea più democratica per la gestione del paese. “La riforma sarà basata non su calcoli politici a breve termine fatti dal governo ma su una rilevante e costante pressione a lungo termine in merito a cosa vogliono i cittadini e cosa scelgono tra i pubblici servizi: è questo il cambio di orizzonte di cui abbiamo bisogno” ha dichiarato Cameron.