• Articolo , 21 marzo 2011
  • Dieci megawatt fotovoltaici sul tetto del mondo

  • Suntech Power realizzerà una centrale solare nel villaggio di Kang Chek che genererà decenni di energia elettrica pulita per migliaia di residenti del Plateau tibetano

(Rinnovabili.it) – Non si spingerà certo così in alto come nel ‘53 fece l’esploratore Edmund Hillary, che insieme allo Sherpa Tenzing Norgay raggiunse per primo la vetta dell’Everest, ma dimostrerà comunque di non temere la sfida dell’altezza tibetana. Parliamo di Suntech Power Holdings cha ha annunciato oggi l’intenzione di istallare sul “tetto del mondo” un impianto fotovoltaico da 10 MW.
Pensata per il villaggio di Chek Kang, nella contea di Sangri, (Prefettura di Shannan) con i suoi 4.000 metri circa sul livello del mare la centrale solare sarà una delle più alte mai realizzate al mondo. La fine dei lavori è prevista entro la metà del 2011 e a regime l’impianto produrrà circa 20.000 MWh di elettricità l’anno, contribuendo a facilitare lo sviluppo economico sostenibile nel Tibet.
Storicamente, la regione montuosa ha sempre fatto affidamento sulle proprie risorse idroelettriche. Tuttavia, i mutamenti climatici degli ultimi anni hanno causato fenomeni di siccità sempre più frequenti e volumi di acqua ridotti nei bacini idroelettrici. Modifiche che hanno determinato a loro volta carenze di potenza di picco. “Con l’intensa luce solare e le sue temperature fresche, il Tibet è estremamente adattato per l’utilizzo di avanzate tecnologie fotovoltaiche”, ha detto il dottor Shi Zhengrong, Fondatore, Presidente e Amministratore Delegato di Suntech. “Siamo orgogliosi di investire nella conservazione del fragile ecosistema regionale, fornendo una soluzione economicamente pratica e sostenibile per la generazione di energia elettrica. Dalle sabbie del deserto dell’Arizona alle vette dell’Himalaya, chiunque può cercare e sfruttare la natura più pulita e risorse energetiche più abbondanti”.