• Articolo , 4 giugno 2011
  • Disinquinamento del Vibrata con la biotecnologia

  • Il tratto terminale del fiume Vibrata sarà trattato con un sistema di disinquinamento biotecnologico, con utilizzo di biopromotori – miscela di batteri ed enzimi già presenti in natura – a zero impatto ambientale. Il processo utilizzato è in grado di accelerare, amplificare e rendere molto più efficienti i normali processi di autodepurazione e sarà realizzato […]

Il tratto terminale del fiume Vibrata sarà trattato con un sistema di disinquinamento biotecnologico, con utilizzo di biopromotori – miscela di batteri ed enzimi già presenti in natura – a zero impatto ambientale.
Il processo utilizzato è in grado di accelerare, amplificare e rendere molto più efficienti i normali processi di autodepurazione e sarà realizzato da un’azienda leader nel settore delle tecnologie di biorisanamanto ambientale: la Eurovix.

Il primo trattamento sarà effettuato lunedì 6 giugno, a partire dalle ore 10, nel tratto terminale del Vibrata, nei pressi del ponte ciclo-pedonale, sul territorio fra Alba Adriatica e Martinsicuro.
L’assessore all’Ambiente, Francesco Marconi, gli esperti dell’azienda e i tecnici dell’Istituto Zooprofilattico “Caporale” Abruzzo e Molise saranno a disposizione degli organi di informazioni che sono invitati ad assistere all’operazione.