• Articolo , 13 febbraio 2008
  • E dopo la macchina, ecco il treno solare

  • La Sangritana aderisce all’iniziativa “M’illumino di meno” con un pacchetto proposte in campo ambientale. Tra gli obiettivi più ambiziosi lo sfruttamento dell’energia solare per la trazione dei treni e per la climatizzazione dei convogli passeggeri

Arriva dall’Abruzzo una delle proposte in materia di ottimizzazione energetica più interessanti dell’anno. La Ferrovia Adriatico Sangritana, l’azienda di trasporto di proprietà della Regione, ha lanciato uno studio progettuale per arrivare ad utilizzare l’energia fotovoltaica per la trazione dei treni e la climatizzazione dei convogli passeggeri. L’iniziativa fa parte di un progetto a più ampio spettro che va dal monitoraggio dei consumi e dall’aumento dell’efficienza energetica, allo sviluppo di un piano di compensazione e riduzione delle emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera atmosfera. “Siamo la prima azienda del centrosud a recepire le proposte lanciate dall’Unione Europea in materia di lotta ai cambiamenti climatici e promozione delle energie rinnovabili – spiega il consigliere Andrea Natale – credo sia un nostro preciso dovere lavorare in questo senso, recuperando risorse da investire in innovazione e qualità del servizio: già oggi, con le iniziative avviate, riusciamo a risparmiare circa 6mila 500 euro al mese”.