• Articolo , 18 marzo 2010
  • ‘E-Moving’, Milano e Brescia città della mobilità elettrica

  • Presentato il progetto per la mobilità elettrica. A partire da giugno Milano e Brescia saranno il centro della sperimentazione della rete di infrastrutture per il trasporto zero emission

(Rinnovabili.it) – Durerà un anno il progetto pilota per la mobilità sostenibile “E-Moving” destinato a Milano e Brescia. A partire da giugno prossimo le due città diverranno il centro della mobilità elettrica italiana iniziando con l’istallazione e la messa in funzione di una rete di ricarica all’avanguardia per veicoli a zero emissioni.
Le 270 infrastrutture per il rifornimento energetico istallate da A2A daranno inizialmente la possibilità effettuare una ricarica standard di 8 ore con prese da 220 V e successivamente potranno essere utilizzate prese di ricarica rapida da 400 Volt che garantiranno un rifornimento in 20-30 minuti. Il tutto con il solo impiego di energia prodotta sfruttando fonti energetiche rinnovabili in linea con il progetto per una mobilità davvero senza emissioni dannose.
Grazie all’accordo siglato a Milano tra Renault, Nissan e A2A sarà data la possibilità ai cittadini di scegliere tra 60 veicoli elettrici commerciali e non, pronti per l’acquisto o per il semplice noleggio usufruendo di tariffe flat o a consumo per la ricarica delle batterie.
“A2A – aggiunge Giuliano Zuccoli, Presidente del Consiglio di Gestione A2A – ha pianificato notevoli investimenti per l’aria pulita nelle città e proprio in questa sala dove abbiamo presentato il Piano per lo sviluppo del teleriscaldamento, oggi illustriamo il progetto di mobilità elettrica. È il primo passo nella creazione di una infrastruttura capillare di ricarica per sviluppare una rete “point-to-point” sul territorio tra i principali comuni della Lombardia, in un’ottica di sviluppo sostenibile e di contenimento delle emissioni inquinanti. Noi operatori elettrici dobbiamo essere pronti, anzi, dobbiamo essere facilitatori del salto tecnologico, dotando per tempo le città delle infrastrutture necessarie. A2A ha messo a disposizione il suo know-how e le sue competenze investendo nelle infrastrutture, per diventare un promotore attivo di efficienza energetica e di riduzione delle emissioni nocive nei Comuni di Milano e di Brescia (e in prospettiva in tutti i Comuni dove A2A è presente: Bergamo, Como, Monza, Sondrio, Varese…), i quali, con questo progetto pilota, possono porsi all’avanguardia nella sperimentazione con le capitali europee più sensibili al tema quali Berlino, Londra e Parigi”.