• Articolo , 22 aprile 2011
  • Earth Day, la 41° edizione fa il giro del mondo!

  • Dagli Stati Uniti all’India un unico impegno: proteggere il pianeta dall’uso indiscriminazto delle risorse. In occasione della giornata della Terra l’appello alla sostenibilità è a 360°

41° compleanno per l’ “*Earth Day*”:http://www.earthday.org/, il giorno della terra ideato e organizzato dalle Nazioni Unite che dal 1970 cade puntuale ogni 22 aprile. Nell’edizione 2011 l’Onu si prefigge, tra gli altri, un audace obiettivo: raggiungere *un miliardo di azioni di verdi* nei 114 paesi aderenti all’iniziativa.
Un impegno alla sostenibilità che oggi si traduce in piccole e grandi azioni di rispetto delle risorse naturali e dell’ambiente, dall’evitare di acquistare prodotti ad alto impatto ambientale ad incentivare il consumo green, dal lasciare a casa l’automobile a favore di mezzi di trasporto a basse emissioni, sia pubblici che privati, fino all’utilizzo di acqua corrente al posto dell’acqua in bottiglia, per evitare l’accumulo di rifiuti e il consumo di petrolio.
Scuole, uffici, pubbliche amministrazioni, un impegno a 360° che coinvolgi grandi e piccini concentrati a rispettare l’evento con la speranza che le buone pratiche green non si esauriscano nelle 24 ore dedicate al pianeta, ma diventino parte integrante del nostro modo di vivere. E quindi nuovi alberi, eco-passeggiate alla scoperta dei luoghi meno frequentati ma anche momenti di informazione che avvicino alla comprensione delle energie rinnovabili, che consentono di ottenere l’energia di cui abbiamo bisogno senza private il Pianeta delle risorse. Un Earth Day quello che si festeggia oggi, lontano solo poco più di 40 giorni dal disastro nucleare che ha coinvolto la centrale nucleare di Fukushima, dove ancora oggi si lavora e si studiano soluzioni per contenere le gravi conseguenze che deriveranno dall’emissione di radiazioni.
“A volte anche produrre risorse energetiche può essere dannoso e pericolosissimo, come l’esperienza giapponese di questi giorni ci insegna”, ha dichiarato il *ministro della Gioventù, Giorgia Meloni*, in un messaggio inviato agli organizzatori dell’Earth Day 2011.”L’ecologia si è imposta come priorità assoluta nell’agenda di ogni società già da tempo, ma l’attualità ancora una volta la rende un’emergenza”.
Per avvicinare i più piccoli alle pratiche del vivere sostenibile anche il magazine per ragazzi *Topolino*, che per il quarto anno consecutivo aderisce all’iniziativa con un numero ad impatto zero, da oggi in edicola, ha fatto il calcolo delle proprie emissioni, che verranno compensate contribuendo alla creazione e tutela di foreste in crescita.

Non mancheranno gli appelli dei visi noti, attori e cantanti da tutto il mondo da tempo impegnano in campagne a favore della salvaguardia delle risorse. In occasione del concerto organizzato per questa sera “*a Roma*”:http://www.earthdayitalia.it/, nella cornice del Galoppatoio di Villa Borghese ad esempio, è attesa la proiezione del videomessaggio di sensibilizzazione di *Peter Gabriel*. “Ciò che abbiamo fatto all’atmosfera, al clima, al nostro pianeta è veramente drammatico. Dobbiamo impegnarci tutti”. Queste le parole del cantante “Potremmo fare molto di più, so che io stesso potrei fare molto per cercare di migliorare la situazione. Ma se vogliamo tenere il pianeta in vita affinché possa dare un futuro ai nostri figli, ai nostri nipoti e pronipoti, alle generazioni a venire, allora è arrivato il momento di agire. Tocca a noi farlo, con decisione. Noi possiamo fare la differenza. Ricordo quando per la prima volta gli astronauti raggiunsero lo spazio e, guardando verso la Terra, videro una piccola sfera blu, la nostra casa, protetta soltanto dal sottile mantello dell’atmosfera. Se non ne avremo cura sarà distrutta per sempre. Certo non cambia l’ordine dell’universo, ma per i nostri figli è il futuro. Spero che prendiate tutto questo molto sul serio, spero che assieme riusciamo a trovare il modo di fare la differenza, e desidero salutare e ringraziare tutti voi di Earth Day per il lavoro che state facendo. Chiedo a tutti voi amici un grande impegno per l’ambiente, per la nostra Terra”. Il *concerto, gratuito e ad impatto zero*, ridurrà i consumi e compenserà le proprie emissioni provvedendo alla piantumazione di settemila nuovi alberi all’interno del municipio XV. “Siamo orgogliosi che Roma, per il quarto anno consecutivo, sia una città ospitante dell’evento – ha spiegato il *sindaco Alemanno* – per noi il tema dell’ambiente resta principale e crediamo che ci debba essere grande consapevolezza culturale da parte dei cittadini. Il concerto è solo l’evento principale, ma tutte le attività della giornata servono a far crescere questa consapevolezza e noi lavoriamo tutti i giorni dell’anno ai temi ambientali a partire dal piano di azione per l’energia sostenibile che presenteremo il 4 maggio a Bruxelles”.

Da nord a sud e da est e ovest associazioni, enti pubblici e privati ma anche comuni cittadini hanno aderito a questa giornata indicando *sui forum e sui blog preposti*: le attenzioni e le iniziative a favore della Terra. E tra queste non poteva mancare “*WWF*”:http://wwf.it/client/render.aspx?content=0&root=6780, che ha dichiarato di contribuire al miliardo di azioni proposte dalle Nazioni Unite ricordando l’importanza della condivisione degli spazi e delle risorse con il Pianeta, per assicurare alle generazioni future un domani migliore. “Cercando di mettere i limiti ecologici al centro dei processi decisionali, il WWF opera per porre fine al sovrasfruttamento dei sistemi naturali e per creare società in cui tutte le persone possano vivere bene, entro i limiti biofisici del nostro pianeta”. Alla dichiarazione fa seguito l’impegno a calcolare l’impronta ecologica di ogni azione quotidiana, puntando l’attenzione sulla descrizione del simbolico _zaino ecologico_ che ogni prodotto, ogni azione, ogni spostamento porta con sé e che si traduce in energia e risorse consumate per ottenerlo. L’iniziativa, destinata ad aziende, imprese e pubblici cittadini ha per ognuno lo stesso scopo, la sostenibilità ambientale, raggiungibile attraverso modalità differenti a seconda delle realtà ma sempre alla ricerca di un domani più green.

*Nel mondo*, gli eventi si susseguono dagli Stati Uniti fino in India, a Nuova Delhi, dove sono stati organizzati diversi eco-tour alla scoperta di angoli di natura incontaminata che hanno fatto registrare, insieme alle altre iniziative, grande entusiasmo. ”E’ come se il primo Earth Day del 1970 in Usa venisse replicato nel 2011 in India” ha commentato il direttore di Earth Day India, Karuna Singh.
Per non concentrare solamente nelle 24 ore le iniziative dell’Earth Day Usa continueranno a *San Francisco* anche domani con punti di informazione e musica a basso impatto.
Dal 28 aprile al 1° maggio, *Sofia*, la capitale bulgara, ospiterà il *festival delle giornate verdi* caratterizzati da un mercatino biologico ed itinerari di turismo ecosostenibile che coinvolgeranno i cittadini.
A *Berlino* invece già da ieri si festeggia con *“Let’s get planting”* per incentivare a piantare alberi, sensibilizzando sull’importanza per la conservazione e la riforestazione delle foreste pluviali in Costarica.