• Articolo , 20 novembre 2009
  • Eco-lampadine, ombre sulla loro durata di vita

  • Le lampade a basso consumo stanno progressivamente sostituendo quelle ad incandescenza: uno studio inglese le descrive più luminose ma con una vita leggermente meno lunga

(Rinnovabili.it) – Ogni tecnologia per quanto promettente e vantaggiosa ha dei contro, veri o presunti, che emergono non appena l’ondata di entusiasmo inizia ai placarsi. Non è esente da questa legge neanche l’illuminazione a basso consumo, vera e propria svolta nei confronti dei vecchi e inefficienti bulbi ad incandescenza. Le eco-lampadine emettono, di media, una luce il 60% più forte rispetto alle normali luci”:http://www.rinnovabili.it/europa-vecchie-lampadine-addio-800272, la cui vendita si sta riducendo progressivamente nell’Unione Europea in base alle direttive della Comunità, ma a gettare qualche ombra è uno studio della rivista “Engineering and Technology”:http://kn.theiet.org/magazine/ secondo cui sembrerebbe che i consumatori siano ingannati dalla confezione in merito alla durata di vita effettiva. Testando 18 lampade a basso consumo – riferisce la ricerca – dopo 10.000 ore, tre dei bulbi avevano smesso di funzionare completamente e la riduzione media di luminosità per i restanti 15 è stato del 22 per cento.
L’editore della rivista, Dickon Ross, ha dichiarato che gli imballaggi non rivelano chiaramente nè la potenza delle lampadine nè la reale percezione della luce che si avrà una volta istallato il componente.
Ovviamente rimane il dato di fatto che i nuovi modelli di fluorescenti compatte hanno bisogno dell’80% in meno di energia rispetto le lampadine tradizionali che si traduce in un risparmio consistente sulla bolletta di fine anno.