• Articolo , 29 ottobre 2009
  • Ecomondo premia la green economy

  • Tre produttori per tre diverse categorie hanno ricevuto stamattina il premio ‘Sviluppo Sostenibile 2009’ per essersi distinte quali aziende rispettose dell’ambiente e attente al risparmio energetico

(Rinnovabili.it) – In occasione della seconda giornata di Ecomondo 2009 tre aziende italiane hanno ricevuto il premio ‘Sviluppo Sostenibile 2009′ della Fondazione Sviluppo Sostenibile.
Ad essere insignite dell’importante riconoscimento sono state tre diverse categorie di produttori, tenendo conto della modernità delle tecnologie e degli impianti ma anche dell’impatto ambientale del ciclo di produzione e del prodotto stesso.

* Per l’efficienza energetica: Indesit Company di Fabriano, premiata per aver immesso sul mercato elettrodomestici innovativi ed ecologici tra cui lavatrici e lavastoviglie a basso impatto ambientale e ad alta efficienza energetica;

* Per la gestione dei rifiuti: l’azienda Montello, meritevole per aver utilizzato impianti di riciclo di rifiuti a matrice organica e per la plastica capaci, grazie ad detettore ottico automatico, di separare il materiale per polimero e per colore;

* Per le energie rinnovabili: Cantine Lungarotti di Torgiano, virtuose nel recupero dei residui di potatura delle viti utilizzati poi come biomassa per la creazione di energia pulita.

Oltre al premio della Fondazione le aziende hanno ricevuto una medaglia dal presidente della Repubblica.
“Queste tre imprese e tutte quelle che, numerose, hanno partecipato al premio – ha sottolineato Edo Ronchi, presidente della Fondazione – dimostrano che ormai c’è molto verde nel motore dell’Italia. Gli stessi numeri lo confermano: nel 2008 la produzione di rinnovabili è aumentata del 21%, sempre nello stesso anno gli impianti di recupero e riciclo dei rifiuti sono arrivati a 6.400, 231.000 sono stati gli interventi di risparmio energetico, grazie alle detrazioni, e il fatturato complessivo della green economy è stato di 5,2 miliardi di euro. E’ un importante segnale di una visione innovatrice che l’industria italiana sta cominciando a cogliere”.
Questo riconoscimento riesce a dare una panoramica più chiara e dettagliata del mercato italiano, sempre più orientato verso la green economy e verso l’impiego delle risorse per la trasformazione delle imprese in eco-produttori, attenti all’ambiente e al risparmio energetico.