• Articolo , 13 settembre 2010
  • Economia domestica sostenibile, arriva la lavatrice a pedali

  • Prima società dell’elettronica cinese ad aver prodotto frigoriferi senza CFC, Haier si è presentata alla fiera tedesca con la sua visione del risparmio energetico

(Rinnovabili.it) – Il gigante dell’elettronica cinese Haier ha messo in mostra le sue credenziali ecologiche “all’IFA 2010”:http://www1.messe-berlin.de/vip8_1/website/Internet/Internet/www.ifa-berlin/b2c/index.html, la fiera della consumer electronics di Berlino. Accanto a televisori a risparmio energetico con schermi a Led la società ha deciso di presentare qualcosa di più stravagante: una lavatrice a pedali.
E se la prassi vuole che con i “bici generatori” vengano ormai alimentati anche i concerti, non meraviglia che la Haier abbia portato in mostra l’ennesima applicazione della _propulsione umana._ La logica alla base di questa scelta è semplice, mostrare ai consumatori, al pari di tutti gli altri grandi produttori di elettronica, il proprio impegno nei confronti della tutela ambientale.
Dal 3 all’8 settembre, dunque, sotto i riflettori tedeschi i visitatori hanno potuto ammirare l’eco-protitipo della compagnia, una lavatrice connessa ad una bici, a sua volta dotata di batteria agli ioni di litio al fine di incamerare l’energia cinetica prodotta dalle pedalate. Una volta in sella il sistema si accende e con venti minuti di sforzo si eseguirebbe un ciclo di lavaggio a freddo senza dover attingere energia dalla rete elettrica.
Per l’Haier si è trattato solo di richiamo visivo nelle giornate fieristiche, ma non ha voluto escludere la possibilità di mettere mano all’idea e, magari, portarla un giorno sul mercato.