• Articolo , 28 luglio 2010
  • Economia francese: parola d’ordine sviluppo sostenibile

  • Il CIDD francese, presieduto da Jean Louis Borloo, ha approvato la Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile 201-2013. Linee guida ed obiettivi per un economia più verde ed equa.

(Rinnovabili.it) – Il Comitato Interministeriale per lo Sviluppo Sostenibile francese (traduzione di Comite’ Interministeriel pour le Developpement Durable, CIDD) ha adottato ieri la nuova “Strategia Nazionale di Sviluppo Sostenibile”:http://www.developpement-durable.gouv.fr/Adoption-de-la-Strategie-nationale.html valida per il triennio 2010-2013 (SNDD). Il Comitato, composto da membri del Governo francese e una delegazione interministeriali per lo sviluppo sostenibile, e’ stato presieduto da Jean Louis Borloo, il Ministro dell’Ecologia francese, che dal 2009 hanno lavorato assiduamente alla stesura della strategia attraverso numerose consultazioni e tavole rotonde con tutti i reparti del settore socio economico. L’SNDD e’ un documento di sintesi che traccia le linee guida per un “approccio organizzato” allo sviluppo sostenibile, col fine di indirizzare la Francia verso un economia verde. Nove le sfide fondamentali descritte nel documento, nel quale vengono delineati obiettivi, strategie ed azioni, costituendo un quadro di riferimento di supporto per enti pubblici e privati, al fine di orientare i loro progetti verso la sostenibilità. Il documento ha inoltre lo scopo di “garantire la coerenza e la complementarità degli impegni della Francia a livello nazionale, europeo ed internazionale”. “La strategia appartiene a tutti, attori pubblici e associazioni economiche, e rappresenta lo strumento chiave per costruire collettivamente il percorso verso un’economia più verde e, più equa, come risposta positiva alla crisi che la nostra società sta affrontando ” ha commentato Jean-Louis Borloo.