• Articolo , 26 settembre 2009
  • EcoTraversata

  • Nelle piazze dei centri liguri è in arrivo un coloratissimo autobus ecologico che non passerà inosservato. È il mezzo utilizzato dall’assessorato all’ambiente della Regione per promuovere le attività dei venti centri del Sistema ligure di educazione ambientale e per sensibilizzare cittadini, scuole e amministrazioni pubbliche verso i comportamenti eco-sostenibili. L’ecotraversata, che coprirà tutto il territorio […]

Nelle piazze dei centri liguri è in arrivo un coloratissimo autobus ecologico che non passerà inosservato. È il mezzo utilizzato dall’assessorato all’ambiente della Regione per promuovere le attività dei venti centri del Sistema ligure di educazione ambientale e per sensibilizzare cittadini, scuole e amministrazioni pubbliche verso i comportamenti eco-sostenibili.
L’ecotraversata, che coprirà tutto il territorio ligure da levante a ponente, parte giovedì 17 settembre e terminerà il 30 ottobre. L’iniziativa, promossa dall’assessorato all’ambiente della Regione, è stata organizzata in collaborazione con l’Arpal, dove opera il Centro Regionale di Educazione ambientale.

Uno degli obiettivi dell’iniziativa è il coinvolgimento di amministratori e tecnici di enti locali, che possono richiedere il supporto dei Centri di educazione ambientale (Cea) nel sostenere azioni politiche ambientalmente virtuose e nel necessario coinvolgimento della cittadinanza.

A ogni tappa del cammino, gli operatori dei Cea organizzeranno attività e incontri dedicati ai ragazzi, agli insegnanti e a tutti i cittadini per discutere insieme sui comportamenti sostenibili. I partecipanti verranno coinvolti in momenti di riflessione sul proprio stile di vita: le idee e i suggerimenti che nasceranno da questi incontri diventeranno messaggi che il bus porterà in giro per la Liguria.

Tantissime e svariate le attività informative ed educative previste: dalla costruzione di giochi con materiale di recupero alle degustazioni di prodotti del circuito locale a chilometro zero, dalle escursioni naturalistiche a piedi o in bicicletta fino ad arrivare anche a veri e propri momenti di baratto in cui sarà possibile consegnare un rifiuto informatico o elettronico (cartucce per stampanti, pile o cellulari) che verrà “scambiato” con un dispositivo per la riduzione del flusso idraulico, lampadine a basso consumo, brocche in vetro riciclato per stimolare il consumo di acqua dal rubinetto (progetto “imbroccala giusta”). E ancora, depliant informativi, brochure e gadget per aiutarci a capire quali sono i corretti comportamenti sostenibili.

Altra data importante è il 15 ottobre, quando al Teatro della Gioventù in via Cesarea a Genova verranno illustrate le potenzialità dei Centri di educazione ambientale nel convegno regionale ECO-municare. Un momento importante, in cui la presenza di esponenti di enti locali, del mondo della scuola, di operatori economici e di associazioni del terzo settore sarà rilevante per gettere le basi per un futuro lavoro comune.