• Articolo , 18 dicembre 2010
  • Edilizia: piano Umbria per certificazione ambientale edifici

  • La Giunta regionale dell’Umbria, su proposta dell’assessore all’Ambiente Silvano Rometti, ha approvato il programma di lavoro, concordato con l’Arpa (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente) Umbria, relativo alle attività da svolgere per il 2011 in materia di Certificazione di sostenibilità ambientale, procedura introdotta in Umbria con la legge 17 del novembre 2008. La Giunta ha […]

La Giunta regionale dell’Umbria, su proposta dell’assessore all’Ambiente Silvano Rometti, ha approvato il programma di lavoro, concordato con l’Arpa (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente) Umbria, relativo alle attività da svolgere per il 2011 in materia di Certificazione di sostenibilità ambientale, procedura introdotta in Umbria con la legge 17 del novembre 2008. La Giunta ha stanziato 130mila euro a favore di “Arpa” per la promozione della certificazione ambientale degli edifici e le attività di formazione e informazione nei confronti dei soggetti interessati (quali Comuni, Ordini professionali).
“L’Umbria – ha spiegato l’assessore Rometti – è ancora oggi l’unica Regione ad aver approvato una legge sull’edilizia ambientalmente sostenibile e sulla relativa certificazione, strumento di valutazione della qualità ambientale degli edifici. L’obiettivo che ci proponiamo è quello di incrementare la realizzazione di case ‘ecologiche’, in cui il comfort abitativo si coniuga con il risparmio energetico. Criteri che nel 2011 intendiamo estendere anche a scuole e uffici”.

Le procedure per il rilascio del certificato di sostenibilità ambientale, affidato ad “Arpa”, sono state definite da un apposito disciplinare tecnico. Prevede una classificazione degli edifici residenziali con un punteggio associato a ciascun fabbricato; le classi A+, A, B, C, e D costituiscono il riferimento per definire le priorità e graduare eventuali incentivi ed agevolazioni. Azioni di sostegno già intraprese al riguardo sono state, ad esempio, i recenti bandi regionali di edilizia residenziale pubblica in materia di bioedilizia e i premi in cubatura introdotti dalla L.R.13/2009 (Piano casa).

Il Piano di lavoro finanziato dalla Regione Umbria prevede come nuove attività la messa a punto di appositi protocolli per la valutazione della sostenibilità ambientale degli edifici non residenziali, partendo dalle tipologie degli edifici scolastici e per uffici e l’elaborazione di un programma di monitoraggio degli interventi che hanno ottenuto la Valutazione preliminare di sostenibilità ambientale, al fine di definire le procedure di controllo.

Il Piano conferma infine gli impegni già definiti con “Arpa” in materia di Certificazione, che riguardano l’attività istruttoria per il rilascio dei certificati e la revisione e aggiornamento delle schede e degli strumenti di calcolo già vigenti per gli edifici residenziali, tutti reperibili nel sito internet di “Arpa” Umbria.