• Articolo , 27 novembre 2009
  • Edilizia popolare e rinnovabili

  • L’Ater dà il via alla realizzazione del programma “Energia dai tetti” nel Lazio e rinnova il progetto “500 Tetti Fotovoltaici a Perugia”

(Rinnovabili.it) – C’è il fotovoltaico nei programmi delle Ater, (Azienda Territoriale per l’Edilizia Residenziale pubblica) che nella giornata di oggi hanno firmato due accordi importanti in tema di fotovoltaico. Il primo di questi riguarda un importante accordo con Si(e)nergia, l’impresa a capitale misto pubblico-privato principale punto di riferimento locale nella provincia di Perugia che offre servizi energetici e la profusione delle energie rinnovabili. Il patto di intesa tra il Presidente dell’Ater Furio Benigni e quello di Si(e)nergia, Stefano Feligioni, per il Progetto “500 Tetti Fotovoltaici a Perugia”:http://www.sienergiaspa.it/MEDIACENTER/FE/CategoriaMedia.aspx?idc=43, suggella il successo del precedente bando “1.000 tetti fotovoltaici – Perugia” che ha spinto i soggetti proponenti del precedete comunicato a promuoverne uno ulteriore.
Il nuovo Piano, che ha giovato della collaborazione del Consorzio ABN, dell’Agenzia per l’Energia e l’Ambiente della Provincia di Perugia e della Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio, è stato inoltre attuabile potendo sfruttare la presente normativa di settore che considera l’opportunità di beneficiare di incentivi sull’energia elettrica prodotta tramite il “Conto Energia”.
Nello specifico, il programma prevede la disposizione di all’incirca 500 sistemi fotovoltaici, ciascuno pari a 3 kW, per la copertura di altrettanti tetti, e la cui integrazione sarà ad esclusivo carico di Si(e)nergia.
“Questo progetto – ha detto il Presidente di Si(e)nergia – unisce due attività importanti: l’edilizia residenziale pubblica e la produzione di energia rinnovabile. E riguardo questo ultimo aspetto, grazie alla previsione degli incentivi del conto energia del Gestore servizi energetici, ci si aspettava una ‘corsa’ di famiglie e imprese alle installazioni di sistemi per la produzione di energie rinnovabili. Ma così purtroppo non e’ stato soprattutto a causa di passaggi burocratici troppo complessi, che invece dovrebbero essere semplificati per avvicinare i cittadini a queste tematiche”. A sostegno del piano è intervenuto anche Benigni che ha considerato l’intesa “molto importante non solo perché consentirà a cinquemila inquilini di risparmiare sulle utenze comuni, ma perché è un passo avanti in materia di energie rinnovabili, in un momento in cui l’attenzione per l’ambiente necessariamente deve diventare una priorità, per le amministrazioni e per i cittadini. Alcuni nostri condomini- ha poi aggiunto- sono già dotati di pannelli solari per la produzione di acqua calda e stiamo già pensando a come sfruttare anche impianti eolici”.

Sotto il nome “Energia dai tetti” è stato invece presentato l’accordo di collaborazione fra la Regione Lazio e le Ater provinciali per la realizzazione del programma proposto dell’Assessore alle Politiche della Casa Mario Di Carlo di concerto con l’Assessore all’Ambiente e alla Cooperazione fra i popoli Filiberto Zaratti. Nel dettaglio esso prevede per la prima volta in Italia un intervento integrato di manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico delle coperture di edifici delle ATER del Lazio ed installazione e gestione di pannelli fotovoltaici. “Grazie a questo progetto – ha dichiarato Di Carlo – realizzeremo un intervento di manutenzione straordinaria, nel senso proprio del termine straordinario, che coinvolgerà oltre 350 edifici, per una superficie di 64.000 mq, per i quali abbiamo attivato risorse per oltre 22 milioni di euro, 15 dei quali stanziati dall’Assessorato alla Casa e 7 dall’Assessorato all’Ambiente”.
“Come Assessorato all’Ambiente – ha aggiunto Zaratti, Assessore all’Ambiente e Cooperazione tra i Popoli della Regione Lazio – abbiamo finanziato il progetto con sette milioni di euro che copriranno in maniera totale il tetto massimo del 20% al di sopra del quale si perde il contributo del Conto Energia. Queste risorse attiveranno fondi privati per 28 milioni di euro. L’obiettivo è l’installazione di pannelli Fotovoltaici per circa 64.000 mq, corrispondente ad un numero di edifici di circa 350, per una potenza di circa 6,4 MWp che produrranno 8 milioni di kWh, pari ai consumi annui di una cittadina di 10.000 abitanti. Con questa produzione di elettricità da fotovoltaico, inoltre, si ridurranno le emissioni di gas serra di almeno 4.200 tonnellate”. Il Progetto prevede l’assistenza tecnico scientifica del “Dipartimento di Innovazione Tecnologica nell’Architettura e Cultura dell’Ambiente” dell’Università La Sapienza al fine di garantire la realizzazione di interventi in linea con le più moderne tecnologie per lo sviluppo sostenibile.