• Articolo , 8 aprile 2010
  • Educazione Ambientale: “Cittadini della scuola e del domani”

  • “Una delle sfide principali del nuovo millennio è quella di salvaguardare l’ambiente che ci circonda, un ambiente fatto di storia, arte, archeologia, tradizioni, natura e cultura. I radicali cambiamenti avvicendatisi nel corso degli ultimi secoli hanno allontanato i cittadini dalla fruizione dei propri luoghi di appartenenza e di origine. Oggi, invece, si avverte l’esigenza di […]

“Una delle sfide principali del nuovo millennio è quella di salvaguardare l’ambiente che ci circonda, un ambiente fatto di storia, arte, archeologia, tradizioni, natura e cultura. I radicali cambiamenti avvicendatisi nel corso degli ultimi secoli hanno allontanato i cittadini dalla fruizione dei propri luoghi di appartenenza e di origine. Oggi, invece, si avverte l’esigenza di riappropriarsi dei luoghi della propria città e degli spazi verdi delle aree naturali protette che arricchiscono il territorio provinciale di Capitanata”. Così Stefano Pecorella, assessore provinciale alle Risorse Ambientali, presenta le proposte didattiche organizzate dalla tecno-struttura del suo assessorato.
Le differenti iniziative promosse dal Laboratorio per l’Educazione Ambientale della Provincia di Foggia, si inseriscono con successo nel “Anno Internazionale della Biodiversità”, proclamato dall’ONU, offrendo utili spunti finalizzati a stimolare interessi e riflessioni per la valorizzazione del ruolo attivo della scuola e degli studenti, cittadini attivi della società del futuro.
L’intero programma didattico prevede l’approfondimento delle tematiche dell’energia e dell’ambiente con la sua variegata biodiversità, considerando soprattutto l’impatto che le attività umane producono sul territorio. Lo scopo è quello di puntare l’attenzione sulla centralità del cittadino responsabile, facendo comprendere agli allievi gli effetti delle proprie azioni: modificare ‘piccoli gesti’ quotidiani che determinano come effetto ‘grandi cambiamenti’, come ad esempio il risparmio energetico e delle fonti idriche e, più in generale, l’uso parsimonioso delle risorse ambientali.
In particolare, il progetto offre un tour teatrale presso le scuole aderenti; lo spettacolo, “Terra, istruzioni per l’uso”, si propone di stimolare gli studenti all’acquisizione di buone pratiche quotidiane per il risparmio e l’efficienza energetica. In scena l’attore Davide Gorla che interpreta due personaggi: Gaio, che mima nelle sembianze il pianeta terra e se la prede con l’umanità per le azioni sconsiderate che rovinano l’ecosistema che lui ha faticosamente ospitato e curato per miliardi di anni, e Salvatore, il girasole che cerca di riconciliare l’uomo con il pianeta, consigliando ai ragazzi e quindi all’umanità di oggi e domani, le buone pratiche quotidiane.