• Articolo , 8 aprile 2011
  • Efficienza energetica, dai Comuni impegni e strategie green

  • Nel corso della tavola rotonda svoltasi a Castelnuovo Magra i comuni hanno messo a confronto le diverse strategie green. hanno presentato i progetti più riusciti e ricordato che la diminuzione degli inquinanti è sinonimo di migliore qualità della vita

(Rinnovabili.it) – Pubblica impresa e Amministrazione a confronto in un periodo difficile per l’economia hanno puntato tutto, durante l’incontro svoltosi a Castelnuovo Magra, sul dibattito per l’efficienza energetica come primo step per il raggiungimento di nuovi obiettivi anti emissioni e di risparmio economico. Un itinerario per il risparmio che dovrebbe partire proprio dai piccoli comuni per poi allargarsi a macchia d’olio ed arrivare fino alle realtà più impattanti per arrivare ad una economia energetica nazionale più equilibrata.
Scelto per l’impegno ambientale il comune di Castelnuovo ha promosso la condivisione dei progetti di successo anche con altre realtà rappresentando loro modelli di successo che potrebbero essere adottate da piccoli e grandi comuni interessati a ridurre il proprio impatto ambientale.
La Tavola Rotonda, organizzata da Provincia della Spezia, Assovetro e Ancitel Energia e Ambiente, con il patrocinio di ANCI e del Patto dei Sindaci e in collaborazione con il Comune di Castelnuovo Magra, ha messo a nudo le rispettive esperienze, sia realizzate che in progetto, incentrate sull’efficientamento degli edifici anche attraverso campagna di sensibilizzazione sul rapporto costi/benefici di effettuare delle migliorie a case o edifici pubblici, nell’ottica di risparmiare sia energia che denaro andando direttamente ad agire sui Regolamenti edilizi comunali.
“Le tipologie di intervento percorribili sono diverse – ha dichiarato Bernocchi Vicepresidente Anci, Delegato alle politiche per la gestione dei rifiuti e all’energia – ma la razionalizzazione delle reti di illuminazione, l’efficientamento energetico del patrimonio edilizio e abitativo, sia pubblico che privato, abbinato all’utilizzo integrato di fonti rinnovabili, sono alcune delle iniziative che consentono sia un significativo abbattimento delle emissioni di CO2 che una riduzione dei costi elevati sostenuti finora dalle Amministrazioni comunali. Per questo motivo, conclude Bernocchi, l’Anci ha avviato una serie di azioni finalizzate a supportare i Comuni affinché conoscano meglio le potenzialità e le ricadute di tali interventi e, secondo le risorse e le specificità proprie di ciascun territorio, riescano ad attuarli anche mediante modelli di partenariato pubblico-privato: in tal modo potranno peraltro costituire un esempio per cittadini e imprese e fare da traino allo sviluppo del sistema locale”.
Durante l’incontro la Provincia della Spezia ha colto l’occasione per presentare il progetto *ECOGIS* (censimento energetico degli edifici pubblici e creazione di mappe interattive consultabili dai cittadini in vista del traguardo europeo del “20-20-20”) presentando anche le altre iniziative che rientrano nei compiti affidatigli in qualità di “Struttura di Supporto” locale del Patto dei Sindaci.
Un processo importante, quello per l’efficientamento delle strutture visto anche come miglioramento della qualità della vita, come confermato anche da Marino Fiasella, Presidente della Provincia della Spezia che ha aggiunto: “la responsabilità nei confronti della salute del nostro pianeta e la dimensione europea del nostro Paese non solo ci impongono una riflessione sulla necessità di adottare comportamenti ecocompatibili, ma impegnano fortemente le istituzioni a mettere in campo tutti gli strumenti necessari per procedere speditamente verso il raggiungimento del 20-20-20. Per questo motivo la Provincia è in prima linea sui temi dell’efficientamento energetico e ritiene strategico trarre spunto, come nel caso della Tavola Rotonda di Castelnuovo Magra, dalle buone prassi già sperimentate per poi valutarne l’applicazione sul territorio. C’è molto da fare e il nostro obiettivo comune deve essere quello di andare ben oltre il 20-20-20.”
Assovetro (Associazione Nazionale Industriali del Vetro) e Ancitel Energia e Ambiente hanno invece presentato il progetto *Il vetro per l’efficienza energetica nell’edilizia*, descrivendo le Linee Guida necessarie per attuare l’introduzione nei Regolamenti edilizi comunali di elementi e indicazioni utili per l’attuazione della normativa vigente in materia di risparmio ed efficienza energetica. “Il nostro principale obiettivo – afferma Gianni Scotti, Presidente delle Sezioni Produttori Lastre di vetro e Produttori Lane di vetro di Assovetro – è quello di offrire agli operatori del settore e alle Amministrazioni locali le nostre competenze […] Il potenziale di abbattimento delle emissioni di CO2 nel settore dell’edilizia – prosegue Scotti – è oggi di gran lunga superiore non solo a quello ricercabile nel settore industriale, dove sono stati numerosi gli investimenti e gli interventi soprattutto sugli impianti e sui processi di combustione, ma anche rispetto a quello del trasporto, dove l’adozione di motori Euro 5 ha consolidato una politica di sostegno al contenimento delle emissioni. Solo da qualche anno, con l’adozione, sia pure tardiva rispetto ad altri Paesi, di norme specifiche in materia di efficienza energetica degli edifici, è possibile prevedere e adottare interventi anche nel settore dell’edilizia, favorendo ed implementando efficaci politiche di riduzione dei consumi energetici e delle emissioni”.