• Articolo , 5 ottobre 2007
  • Efficienza energetica ridimensionata nella finanziaria 2008

  • Colpo di spugna sulla possibilità di estendere tutte le detrazioni fiscali previste nella vecchia finanziaria 2007 a quella presentata per il 2008

All’interno del testo della nuova finanziaria 2008, presentato al Governo in Parlamento, non sono presenti i riferimenti all’estensione della defiscalizzazione per gli interventi di efficienza energetica previsti nella finanziaria del 2007, al contrario viene ridotta la sua portata. Le proposte dei Ministeri Ambiente e Sviluppo Economico sui termocamini, stufe a biomassa ad alta efficienza, lavatrici di classe “A+”, pompe di calore ad alta efficienza sono state depennate. A tutta questa situazione il Kyoto Club, un’organizzazione no profit che ha l’obiettivo del raggiungimento della riduzione delle emissioni di gas-serra previste dal Protocollo di Kyoto, esprime il suo diniego con un Comunicato stampa, in cui si interroga: “perché il solare termico è incluso nella possibilità della detrazione, mentre vengono escluse le stufe o le caldaie a biomasse? Perché va bene per i frigoriferi ma non per lavatrici?”. Chiede pertanto che venga ripristinato il testo iniziale in modo da “allineare così gli incentivi fiscali a quelli introdotti dalla finanziaria attualmente vigente”. (fonte Rinnovabili.it)