• Articolo , 31 gennaio 2008
  • Elettronica di consumo e ambiente

  • Imprenditori e leader mondiali nel campo dell’elettronica di consumo , insieme per parlare del futuro “verde” degli apparecchi elettronici. Strategie e proposte per avvicinare due mondi solo apparentemente lontani: elettronica e ambiente.

La conferenza Greener Gadgets prevista per domani a New York, focalizzerà l’attenzione sulla necessità di far convivere l’elettronica di consumo e il rispetto dell’ambiente. Il tema è più che mai attuale soprattutto considerando le dichiarazioni di colossi mondiali come l’IT IBM o la WalMart che hanno già proclamato la loro volontà di promuovere scelte incentrate sull’ambiente e sulla eco-sostenibilità dei prodotti. Anche i maggiori leader industriali nel campo della tecnologia elettronica (Nokia, Intel, HP) si stanno muovendo in tal senso e dimostreranno il loro appoggio a tali questioni attraverso la loro partecipazione alla conferenza di domani. Un esempio per tutti: Nokia presenterà il modello di cellulare 3110 Evolve, costituito interamente da un materiale bio-plastico, totalmente biodegradabile, in grado di ricaricarsi riducendo gli sprechi energetici. Proprio a proposito di telefonia, i giorni scorsi “Affari e Finanza” de La Repubblica riportava una novità interessante. Il Ccr (Centro comune di ricerca) della Commissione Europea ha sviluppato un nuovo software gratuito per cellulari in grado di verificare l’emissione di Co2 emessa nell’arco di una giornata.