• Articolo , 28 ottobre 2008
  • Emendamento del governo sul Cip6

  • Con un emendamento del governo, spostata alla fine dell’anno prossimo la definizione dei requisiti per usufruire gli incentivi (Cip6) per chi produce l’energia elettrica con fonti rinnovabili. Critiche dall’opposizione e dagli ambientalisti

Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente, commenta criticamente l’emendamento del governo al “ddl-sviluppo”, presentato in Aula, che sposta alla fine del 2009 la definizione degli impianti in regola per usufruire del Cip 6. In vigore rimangono solo gli incentivi per gli impianti utilizzati nell’ambito dell’emergenza rifiuti.
“Il governo ha presentato sui Cip6 un vergognoso emendamento, che ci auguriamo il parlamento non faccia passare”. Il Cip6, va ricordato, è un provvedimento del Comitato Interministeriale Prezzi, varato nel ’92, in cui vennero decisi prezzi incentivati, per l’energia elettrica, prodotta con impianti alimentati da fonti rinnovabili ed assimilate.
“Gli incentivi alle rinnovabili vadano veramente alle fonti pulite – replica Ciafani – Basta con questo furto, che già ora pesa sulla collettività dai 3 ai 4 miliardi di euro ogni anno, prelevati direttamente dalle bollette elettriche. Estendere a qualsiasi impianto che brucia anche i rifiuti non biodegradabili la possibilità di accedere a questi incentivi è una palese infrazione alla direttiva europea sulle fonti rinnovabili e alla normativa sulla concorrenza. Legambiente ha già presentato ricorso a Bruxelles contro il Cip6 ai tre inceneritori in Campania, e certo non esiteremo ora ad allargare la nostra azione contro tutti quegli impianti che usufruiranno dell’ingiusto guadagno elargito dal governo a spese dei cittadini”.
La scelta del governo contraddice infatti la direttiva comunitaria che prevede incentivi economici per la produzione di energia da fonti rinnovabili come i rifiuti biodegradabili. In questo modo, lo Stato violerebbe anche la Disciplina comunitaria degli aiuti di stato per la tutela ambientale.
“Utilizzare i Cip6 per qualsiasi inceneritore – ribadisce Ciafani – rappresenta una distorsione della concorrenza nel mercato europeo della produzione di energia perché per altri impianti in Europa una tale incentivazione economica non è prevista. Ma non solo: secondo quanto previsto dalla disciplina comunitaria degli aiuti di Stato per la tutela ambientale, il Cip6 costituisce un’infrazione anche nel mercato della gestione dei rifiuti perché stravolge la loro classificazione gerarchica, rendendo il recupero di energia più conveniente rispetto al riciclaggio”.