• Articolo , 18 aprile 2011
  • ENEA: ATLETE boccia l’80% dei frigoriferi e dei congelatori

  • Solo due aziende su 40 hanno applicato le etichette energetiche ai propri prodotti. Dai test di ATLETE risulta quindi che l’80% dei frigo e congelatori in circolazione sul mercato UE non rispettano i 5 parametri base dello standard verde

(Rinnovabili.it) – Nato nel 2009 grazie al finanziamento della Commissione Europea il progetto “*ATLETE*”:http://www.atlete.eu/ (Appliance Testing for Energy Label Evaluation) è stato organizzato con lo scopo di monitorare la corretta applicazione delle etichette energetiche ai prodotti presenti nel mercato UE. Dai test effettuati su 80 modelli di frigoriferi e congelatori è emerso però che soltanto il 47% dei prodotti è conforme ai cinque parametri che delineano l’etichettatura energetica, ossia consumo di energia, temperature di conservazione (inclusa di conservazione), volume netto, capacità di congelamento e tempo di risalita della temperatura. La percentuale sale all’84% se vengono considerati esclusivamente tre parametri: temperature di conservazione (che esprime la classe di efficienza energetica), consumo di energia e volume netto.
“Il livello di conformità ai requisiti dell’etichetta energetica deve migliorare. Questi risultati sono deludenti. Un’azione di controllo più incisiva è la strada migliore per assicurare una competizione corretta ed equilibrata per i costruttori di apparecchi domestici e un elevato livello di protezione del consumatore” ha dichiarato Luigi Meli, direttore generale del CECED (European Committee of Domestic Equipment Manufacturers) non appena conosciuti i risultati dei test di ATLETE, resi noti in occasione della conferenza tenutasi a Bruxelles durante la European Union’s Sustainable Energy Week.

Dopo aver *analizzato ben 40 produttori* si è arrivati alla conclusione che soltanto due marchi, Whirlpool e Bosch, sono stati in grado di etichettare correttamente i propri prodotti. “L’attenzione all’ambiente e il risparmio energetico per noi sono priorità – ha dichiarato il presidente di Whirlpool EMEA Bracken Darrell–; una corretta etichettatura energetica è fondamentale per mettere clienti finali e rivenditori nelle condizioni di operare al meglio le loro scelte sulla base di dati certi. I test effettuati da ATLETE hanno dimostrato la necessità di vigilare sui prodotti immessi sul mercato per tutelare meglio i consumatori e per sviluppare una concorrenza più corretta. Il fatto che alle verifiche i nostri prodotti abbiano tutti e cinque i parametri testati rivela l’attenzione che Whirlpool pone ai temi della sostenibilità energetica e il rispetto nei confronti dei consumatori”.