• Articolo , 12 aprile 2011
  • ENEA, con PRIMI tiene sotto controllo l’inquinamento marino

  • Grazie al “PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi” l’ENEA monitorerà l’inquinamento da idrocarburi del mar Tirreno a vantaggio degli ecosistemi marini e costieri dando maggiore sostegno alle economie turistiche

(Rinnovabili.it) – L’ENEA ha presentato oggi a Roma il *Progetto PRIMI*, “PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi” finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana che ha sviluppato un sistema di monitoraggio dell’inquinamento delle acque marine, causato soprattutto da idrocarburi sversati in mare. Le sostanze, altamente inquinanti, costituiscono una grave minaccia per l’ecosistema marino causando gravi danni soprattutto negli ambienti costieri, danni che spesso si rivelano irreversibili e responsabili dello stallo delle economie costiere, che si reggono sulla ricchezza e sulla bellezza dei paesaggi marini.
Il progetto, nato dalla collaborazione tra Enti di Ricerca ed Imprese, ha sviluppato un sistema che si basa su osservazioni satellitari SAR e Ottiche, in modo da individuare i rilasci di idrocarburi in mare e riuscendo a prevederne lo spostamento con l’obiettivo di fornire un utile strumento di supporto alla gestione del rischio ambientale e alla riduzione degli inquinanti con la possibilità di visionare direttamente sul “sito”:http://clima.casaccia.enea.it/tirreno/le previsioni giornaliere.