• Articolo , 6 dicembre 2010
  • Enel ed Emilia Romagna, insieme per il trasporto sostenibile

  • Primo in Italia nel suo genere il protocollo firmato a favore della mobilità sostenibile. Si tratta dello sviluppo di un piano sperimentale in tre Comuni della Regione Emilia Romagna, per la diffusione delle infrastrutture e di una normativa ad hoc

(Rinnovabili.it) – E’ stato siglato al Motor Show di Bologna un protocollo d’intesa, primo nel suo genere in Italia, tra Enel e la Regione Emilia Romagna, volto ad incrementare lo sviluppo della mobilità elettrica. Presenti alla firma del piano l’assessore alla Mobilità e Trasporti della Regione Alfredo Peri, il Presidente di Enel, Piero Gnudi, oltre ad altri rappresentanti e dell’azienda e dei comuni interessati. Nello specifico si tratta di tre progetti pilota per la realizzazione di un’infrastruttura sperimentale per la ricarica di ogni tipo di veicolo elettrico; progetti questi che vedranno come protagonisti i Comuni di Bologna, Reggio Emilia e Rimini.
Nel complesso Enel installerà circa 60 punti di ricarica nei tre Comuni, con un attenta pianificazione della rete in base “alle esigenze degli utilizzatori, dei flussi del traffico, delle norme che regolano la mobilità, dei trasporti pubblici e delle caratteristiche urbane delle città coinvolte nel progetto”. Ogni progetto verrà quindi sviluppato attraverso un articolato programma dei lavori che implementerà naturalmente il piano di mobilità elettrica per ogni area oltre allo sviluppo delle reti e ad un sistema di monitoraggio della sperimentazione al fine di estenderla ad altre città della regione. La flotta dei veicoli utilizzati per l’iniziativa saranno alimentati per il 50% con energia certificata RECS, un sistema di certificazione internazionale per lo sviluppo delle fonti rinnovabili. Il protocollo cercando di trovare un modo per semplificare l’utilizzo e la diffusione del trasporto elettrico, sia dal punto di vista normativo e amministrativo rientra a pieno negli obiettivi della Regione Emilia Romagna, la quale, per favorire lo sviluppo della mobilità elettrica e migliorare la qualità dell’aria, ha recentemente sottoscritto il programma “Mi Muovo elettrico” per il biennio 2010-2012, così come Enel ha avviato collaborazioni e progetti, come E-Mobility Italy, per “la sperimentazione di tecnologie e sistemi innovativi di mobilità elettrica”. “Oggi – ha commentato il presidente di Enel Gnudi – , insieme alla Regione Emilia-Romagna, i Comuni di Bologna, Rimini e Reggio Emilia, abbiamo siglato una nuova, importante intesa che arricchisce l’impegno di Enel per la mobilità elettrica. Una scelta per rendere le città più vivibili, sostenibili e meno inquinate”.