• Articolo , 9 dicembre 2008
  • Energia: Chieti, progetto impianto fotovoltaico palatricalle

  • C’e’ un progetto per installare un impianto fotovoltaico sul tetto del Palatricalle di Chieti che rendera’ l’impianto autonomo dal punto di vista dell’ approvvigionamento energetico. Costo dell’intervento un milione e 791 mila euro da finanziare con un mutuo. Il progetto, presentato questa matina in Municipio, e’ stato scelto dalla sosieta’ di servizi del Comune ”Teateservizi” […]

C’e’ un progetto per installare un impianto fotovoltaico sul tetto del Palatricalle di Chieti che rendera’ l’impianto autonomo dal punto di vista dell’ approvvigionamento energetico. Costo dell’intervento un milione e 791 mila euro da finanziare con un mutuo. Il progetto, presentato questa matina in Municipio, e’ stato scelto dalla sosieta’ di servizi del Comune ”Teateservizi” ed e’ stato presentato dalle societa’ Mia Energia e Telecompower. Il progetto, che verra’ portato all’approvazione del Consiglio comunale prima di Natale, potrebe essere messo in cantiere all’inizio di gennaio: i lavori dureranno cento giorni. L’impianto produrra’ mezzo milione di kilowatt l’anno pari al consumo energetico di circa 200 famiglie, ed e’ realizzato con pannelli a tecnologia cristallina su una superfiecie di 4.500 metri quadrati, non produrra’ alcun rumore e durerea’ 40 anni. I duemila moduli fotovoltaici sono collegati ad una macchine inverter al altissima efficienza di conversione. Cio’ consentira’ – si e’ detto – di produrre energia in forma alternata che sara’ utilizzata direttamente sul posto o sara’ resa disponibile ad altri utenti. ”Ho un sogno – ha detto il sindaco di Chieti Francesco Ricci: mettere a energia solare tutte le strutture pubbliche e realizzare al piu’ presto lo sportello unico per le fonti alternative in maniera che tutti i cittadini vi possano accedere, facendosi preparare un progetto e verificando se possono farsi fare un impianto presso le loro abitazioni”. Il capogruppo di Rifondazione comunista in Consiglio comunale Riccardo Di Gregorio nel corso di una sorta di contro conferenza stampa ha criticato l’inserimento da parte della Giunta comunale di questo progetto nell’atto con il quale e’ stata prorogata la gestione del Palatricalle alla Teateservizi fino al 28 febbario 2009 ed ha sostenuto che per scegliere il progetto bisognava svolgere un regolare bando di gara.