• Articolo , 24 gennaio 2008
  • Energia: Cozzolino, sinergia Campania e Puglia su rinnovabili

  • “Ci sono tutte le condizioni per capitalizzare i primati conseguiti negli ultimi anni dalla Campania e dalla Puglia e per mettere in sinergia la governance delle due regioni sulla gestione e produzione di energia da fonti rinnovabili e creare un utility pubblico-privato per gestire insieme un programma di incremento e di sviluppo delle attivita’ della […]

“Ci sono tutte le condizioni per capitalizzare i primati conseguiti negli ultimi anni dalla Campania e dalla Puglia e per mettere in sinergia la governance delle due regioni sulla gestione e produzione di energia da fonti rinnovabili e creare un utility pubblico-privato per gestire insieme un programma di incremento e di sviluppo delle attivita’ della filiera energetica”. La proposta l’ha avanzata Andrea Cozzolino, assessore all’Agricoltura e alle Attivita’ Produttive della Regione Campania, intervenendo al convegno a Bari organizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico su “Nuove politiche di sviluppo del Quadro Strategico Nazionale 2007-2013: a sostenibile, competitiva e sicura”. “Si tratta di sviluppare sia la filiera delle aziende che producono componentistica ad elevato tasso di ricerca e tecnologia – spiega – sia di sfruttare la favorevole situazione climatica e geomorfologica che consente alle regioni meridionali di puntare su solare, eolico e sulla geotermia. Per farlo e’ necessaria una politica interregionale unitaria. Bisogna, pero’, anche sostenere e qualificare gli investimenti nel settore e coinvolgere il mondo delle imprese e del lavoro per aumentare l’efficacia degli interventi”. Una strategia, questa, che permettera’ di rafforzare il primato nazionale di Campania e Puglia nella produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. La Campania produce 940 mw di energia da fonti rinnovabili, ma nei prossimi giorni sara’ attivo un altro impianto eolico che garantira’ altri 140 mw di energia. Per il termoelettrico, con la tecnologia del ciclo combinato a gas, sono invece di recente entrate in funzione le centrali di Sparanise e di Teverola, in provincia di Caserta, per complessivi 1200 mw. In via di realizzazione sono gli impianti di Salerno e Orta di Atella, per complessivi 1200 mw.