• Articolo , 6 novembre 2008
  • Energia e ambiente: i Poli formativi si danno appuntamento a ECOMONDO

  • Un incontro per discutere sul futuro della formazione professionale in un settore in strategico come quello ambientale e delle rinnovabili

Il convegno nazionale, promosso dal Polo Energia e Ambiente della Regione Lazio, è stato ideato per mettere in rete le conoscenze, scambiarsi metodi di istruzione, modelli di governance e i risultati delle ricerche sui fabbisogni formativi al fine di progettare con lungimiranza la formazione professionale nel settore ormai ben più che emergente delle energie rinnovabili e dell’ambiente.
Obiettivo, creare una rete virtuosa di scambio di esperienze e conoscenze sul territorio nazionale, per promuovere e coordinare le attività di formazione e di inserimento del mondo del lavoro dei giovani e di instaurare un confronto costante tra imprese, istituzioni e territori locali. Il convegno, che si terrà l’8 novembre all’interno di ECOMONDO, vuole essere un vero e proprio viaggio attraverso le esperienze formative italiane più all’avanguardia nel settore. Oltre al Polo Energia e Ambiente della Regione Lazio, che ha promosso l’evento, al convegno interverranno i rappresentati dei poli di diverse Regioni d’Italia tra cui: Sardegna, Piemonte, Lombardia, Abruzzo, Emilia Romagna, Veneto, Trentino Alto Adige, Liguria, Toscana. La loro attività è finalizzata alla creazione di tecnici specializzati e si rivolgono ai giovani diplomati e agli adulti occupati. Ampio spazio è dedicato al conseguimento di abilità professionali tramite esperienze pratiche (è obbligatorio uno stage in azienda pari al 30% delle ore complessive del corso), nel rispetto di standard di livello nazionale con un adeguato spessore culturale e metodologico.
Nel suo primo anno di attività, il Polo formativo IFTS energia e ambiente della Regione Lazio ha proposto due percorsi formativi volti a creare i primi 50 tecnici specializzati della regione sui temi delle energie rinnovabili e del risparmio energetico.