• Articolo , 24 maggio 2010
  • Energia: la provincia di Genova prima al forum PA per la migliore gestione e valorizzazione

  • Prima sul podio romano del Forum P.A. per le sue strategie e sistemi avanzati di gestione e risparmio dell’energia e l’informatizzazione di controlli e interventi in tutti gli edifici (scuole superiori, sedi dell’ente e altre attività) del suo patrimonio nel contratto di global service. La Provincia di Genova ha vinto il premio nazionale “Best Practice […]

Prima sul podio romano del Forum P.A. per le sue strategie e sistemi avanzati di gestione e risparmio dell’energia e l’informatizzazione di controlli e interventi in tutti gli edifici (scuole superiori, sedi dell’ente e altre attività) del suo patrimonio nel contratto di global service. La Provincia di Genova ha vinto il premio nazionale “Best Practice Patrimoni Pubblici 2010” del Forum che seleziona ogni anno le esperienze ed i progetti più innovativi promossi e sviluppati dagli enti pubblici per la gestione di attività e servizi per il territorio e i cittadini. “Felicissima” l’assessore al patrimonio e all’edilizia scolastica Monica Puttini che esprime “grande soddisfazione per un riconoscimento così prestigioso al metodo costruito e progettato dalla Provincia con l’Area Edilizia, alla quale vanno i miei complimenti, nel quadro della costante azione di questo assessorato per valorizzare e riqualificare il patrimonio dell’ente che, anche grazie all’impegno di tecnici e funzionari molto motivati, sta ottenendo risultati molto positivi”. Il Forum P.A. ha premiato come miglior pratica italiana del 2010 in questo settore il sistema informatico progettato e sviluppato direttamente dalla Provincia nel suo contratto di global service che gestisce 127 edifici, (dall’anagrafe edile, ai servizi manutentivi, alle commesse dei lavori, agli impianti termici) e le sue strategie energetiche che hanno riqualificato e innovato gli impianti termici, ridotto i consumi di combustibile e le emissioni ambientali e incentivano il costante miglioramento del servizio. “Abbiamo installato dodici nuovi impianti a metano in sostituzione di caldaie più inquinanti e ne stiamo realizzando altre due analoghe – dice Monica Puttini – e stiamo rinnovando altri 26 impianti con modelli ad alta efficienza, a condensazione o altre tecnologie avanzate, che costituiscono il 49% della potenza complessiva erogata dal nostro sistema che gestisce 62 centrali termiche. Abbiamo realizzato sei impianti solari termici e cinque fotovoltaici sugli edifici e sono stati approvati i progetti definitivi di altri dodici impianti fotovoltaici per altrettante scuole superiori. L’insieme di tutte queste operazioni, unito al nuovo sistema di calcolo sui consumi energetici, introdotto dal 2010 con l’installazione di misuratori di calore (contatermìe in ogni impianto) con pagamento del calore effettivamente erogato e non più del combustibile utilizzato, ci ha già permesso di ridurre i consumi del 19% e di aumentare del 13% il rendimento degli impianti. Quando tutto il sistema sarà completato la riduzione delle emissioni inquinanti abbatterà del 91% il biossido di zolfo, del 45% il monossido di carbonio, del 58% le polveri, del 21% l’anidride carbonica e del 39% gli ossidi di azoto.” Le risorse economiche derivanti dal contenimento dei consumi energetici saranno destinate dalla Provincia per il 60% agli investimenti sugli impianti e per il 40% ad incentivi per i gestori delle caldaie nel global service che mantengono più efficienti e migliorano il servizio.