• Articolo , 15 ottobre 2010
  • Energia, la Regione si prepara al Piano triennale 2011-2013

  • Dalle frontiere della green economy alla Rete regionale Alta tecnologia per l’energia, dalla certificazione energetica per l’edilizia al ruolo degli Enti locali. E ancora, sostenibilità e mobilità, ambiente e clima. Questi i temi affrontati nel corso del ciclo di incontri e seminari che la Regione Emilia-Romagna organizza nell’ambito del Piano energetico regionale. Primo appuntamento, venerdì […]

Dalle frontiere della green economy alla Rete regionale Alta tecnologia per l’energia, dalla certificazione energetica per l’edilizia al ruolo degli Enti locali. E ancora, sostenibilità e mobilità, ambiente e clima. Questi i temi affrontati nel corso del ciclo di incontri e seminari che la Regione Emilia-Romagna organizza nell’ambito del Piano energetico regionale. Primo appuntamento, venerdì 22 ottobre in viale Aldo Moro 46.

“L’obiettivo di questa fase preparatoria è quello di arrivare alla redazione del Piano triennale dell’energia 2011-2013 in attuazione del Piano energetico regionale – spiega l’assessore regionale alle Attività produttive Gian Carlo Muzzarelli – secondo un percorso condiviso e partecipato insieme ad esperti ed operatori del settore, enti ed associazioni di categoria, imprese e cittadini. Per questo la Regione Emilia-Romagna ha deciso di impostare un percorso di approfondimento che comprende seminari tematici sull’energia con l’obiettivo di stimolare il confronto e la discussione. Un laboratorio in cui la discussione sul nuovo Piano triennale dell’energia troverà casa e prenderà forma”.

Il programma degli appuntamenti si apre con due incontri su “Il mondo produttivo e la green economy”, rispettivamente il 22 e il 29 ottobre 2010, il primo rivolto all’industria e ai servizi, durante il quale sarà presentata la Rete regionale Alta tecnologia per l’energia, il secondo dedicato a commercio, turismo e agricoltura. L’11 novembre “Energia e territorio” sarà l’occasione per parlare di certificazione energetica e quadro normativo nell’edilizia, oltre che di localizzazione degli impianti e procedimenti amministrativi.

Seguirà “Energia e Pubblica amministrazione”, durante il quale sarà messo a fuoco il ruolo degli Enti locali nell’attuazione del Piano energetico regionale e sarà discussa l’importanza degli Sportelli e delle Agenzie territoriali per l’energia. Si parlerà di sostenibilità il 3 dicembre, con un occhio rivolto alla mobilità e al nuovo PRIT e attenzione dedicata ad ambiente e clima.

Evento di chiusura il 17 dicembre con l’incontro “La Regione Emilia-Romagna tra Kyoto e la strategia 20-20-20”, durante il quale saranno tracciati scenari, prospettive e obiettivi per il futuro.

Non mancano iniziative collaterali organizzate in collaborazione con altri partner, a cominciare dai due appuntamenti in programma a Rimini nell’ambito di Ecomondo 2010: il 3 novembre si terrà la prima edizione del Forum internazionale ambiente e energia, dal titolo “Risorse e scelte: i nostri comuni futuri”, mentre il giorno successivo sarà la volta de “I piani clima delle città e i territori”.

Uno sguardo alla montagna il 9 novembre con “CISA – I Comuni dell’Appennino bolognese verso l’obiettivo 20-20-20” e il 26 con “UNCEM – Green economy: una risorsa per il Paese, un valore per la montagna”. Il Coordinamento Agenda 21 dell’Emilia-Romagna affronterà poi il tema della “Prestazione energetica degli edifici e il patto dei sindaci”. Il 19 novembre, infine, si parlerà anche di energia in occasione della chiusura della “Settimana della BioArchitettura e della Domotica”. In allegato il programma completo e l’invito all’incontro d’apertura del 22 ottobre.

Per iscrizioni: sportelloenergia@regione.emilia-romagna.it indicando il nome e il cognome del partecipante e l’ente o società di appartenenza.