• Articolo , 9 dicembre 2009
  • Energia marina: altri 100 MW dalle onde dell’Oregon

  • Grazie all’accordo tra la OPT e lo stato dell’Oregon il tratto di oceano antistante Coos Bay verrà probabilmente utilizzato per l’istallazione di boe che, sfruttando il moto ondoso, saranno in grado di generare energia

(Rinnovabili.it) – L’americana Ocean Power Technologies (OPT), azienda leader nello sfruttamento del moto ondoso per la produzione di energia, ha aumentato la sua già notevole presenza a livello globale firmando un accordo con lo stato dell’Oregon che punta allo sviluppo di 100 MW dando il via ad un progetto per la costruzione del primo sito marittimo per la produzione di energia del Nord America.
In base ai termini stabiliti dal memorandum d’intesa firmato, la società energetica provvederà agli studi di fattibilità nella zona di Coos Bay.
La tecnologia utilizzata dalla società consiste nell’ancorare delle boe al fondo del mare e sfruttarne il movimento generato dalle onde per azionare una turbina produttrice di elettricità che viene poi trasmessa a terra mediante dei cavi sottomarini collegati alla rete di distribuzione.
Il governatore dell’Oregon Ted Kulongoski, soddisfatto per l’accordo raggiunto, ha dichiarato “Credo che l’accordo tra Oregon e OPT fornisca una base per andare avanti in modo sostenibile rispettando gli usi e i valori già esistenti collegati all’oceano, contribuendo nel contempo alla creazione di un futuro di energia rinnovabile in cui l’Oregon sia indipendente”.
La compagnia sta già sviluppando un piccolo impianto da 1,5 MW a Reedsport e il nuovo sito gioverà dei finanziamenti stanziati dal Dipartimento di energia e degli sgravi fiscali concessi dallo Stato mentre il distributore locale PNGC Power ha manifestato l’interesse di acquistare l’energia che verrà prodotta in loco.