• Articolo , 17 dicembre 2009
  • Energia: nuovo ddl ridisegna norme regionali

  • In materia di energia è stato predisposto uno strumento legislativo nuovo e organico che ridisegna l’intera disciplina regionale già regolata dalla legge regionale 30/2002. In particolare, si è inteso evitare un’eccessiva frammentazione di competenze energetiche analoghe fra Comuni e Province: pertanto, il ddl prevede due livelli di competenza amministrativa fra Regione e Province, riservando ai […]

In materia di energia è stato predisposto uno strumento legislativo nuovo e organico che ridisegna l’intera disciplina regionale già regolata dalla legge regionale 30/2002.
In particolare, si è inteso evitare un’eccessiva frammentazione di competenze energetiche analoghe fra Comuni e Province: pertanto, il ddl prevede due livelli di competenza amministrativa fra Regione e Province, riservando ai Comuni solo adempimenti di carattere minore.
Si è voluto adottare una regolamentazione del settore energia sufficientemente precisa e dettagliata che consenta l’applicazione immediata delle relative disposizioni senza ricorso a regolamenti di dettaglio da approvare successivamente alla legge: sono stati previsti procedimenti unificati e autorizzazioni uniche rilasciate a seguito di Conferenze di servizi, attualmente i procedimenti amministrativi più certi e celeri.
Particolare attenzione è stata posta agli aspetti pianificatori e di attuazione delle politiche energetiche in ambito regionale mediante la definizione puntuale di contenuti e finalità del Piano energetico regionale (PER), dei Programmi regionali operativi (POR) e del Documento energetico comunale (DEC).
Viene inoltre promossa la realizzazione di un Catasto informatico comunale degli impianti termici degli edifici al fine di facilitare e omogeneizzare le attività di verifica degli impianti da parte di Comuni e Province ed è prevista l’istituzione del Catasto informatico regionale degli elettrodotti.