• Articolo , 13 marzo 2008
  • Energia: Provincia Perugia, studio su risorse idroelettriche

  • Le risorse idroelettriche complessive presenti nel territorio provinciale di Perugia possono permettere una potenzialità massima teorica di circa 110 MW, per un corrispondente prelievo di energia di circa 83.000 MW/h. E’ quanto emerge da uno studio commissionato dalla Provincia secondo il quale a questi dati si può aggiungere un quello delle risorse ancora potenzialmente sfruttabili, […]

Le risorse idroelettriche complessive presenti nel territorio provinciale di Perugia possono permettere una potenzialità massima teorica di circa 110 MW, per un corrispondente prelievo di energia di circa 83.000 MW/h. E’ quanto emerge da uno studio commissionato dalla Provincia secondo il quale a questi dati si può aggiungere un quello delle risorse ancora potenzialmente sfruttabili, stimabile nel complesso, sempre in linea teorica, in 16,6 MW di potenza elettrica ricavabile e di circa 60.000MW/h di energia prelevabile. Di fronte alla vertiginosa crescita del costo del petrolio – e’ detto in un comunicato della Provincia – il mondo imprenditoriale ha avviato in maniera autonoma una ricerca di sfruttamento delle risorse idrauliche presenti sul territorio ed ha presentato una serie di progetti allo scopo di dare risposte concrete all’aumento dei costi energetici. Anche la giunta provinciale di e’ dotata di un programma di intervento che sarà ora oggetto di un confronto con i Comuni interessati per poi essere portato in Commissione consiliare provinciale prima e in Consiglio provinciale poi dove riceverà la definitiva approvazione e diventerà esecutivo. Per l’assessore provinciale all’ambiente si tratta di “un’iniziativa che anticipa i tempi, un significativo passo in avanti, rispetto agli obiettivi che ci attendono entro il 2020, ovvero la riduzione del 20% di anidride carbonica immessa in atmosfera e il traguardo del 20% di energia ricavata da fonti rinnovabili”.