• Articolo , 24 maggio 2010
  • Energia pulita dal sole: ecco come sarà il nuovo impianto fotovoltaico di Bulicata

  • Partiranno il prossimo settembre i lavori per la realizzazione del nuovo impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica su una superficie di 40mila metri quadrati a Bulicata, dove un tempo sorgeva una discarica di rifiuti, successivamente bonificata da Publiamente. Si tratta del primo impianto del genere a Pistoia, che a regime produrrà 1.200.000 kWh […]

Partiranno il prossimo settembre i lavori per la realizzazione del nuovo impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica su una superficie di 40mila metri quadrati a Bulicata, dove un tempo sorgeva una discarica di rifiuti, successivamente bonificata da Publiamente.
Si tratta del primo impianto del genere a Pistoia, che a regime produrrà 1.200.000 kWh all’anno: tutta energia che la Step, società interamente pubblica che fa parte della hoolding Publiservizi, venderà direttamente all’Enel.
“Si tratta di una iniziativa importante e significativa – dichiara l’assessore all’urbanistica Silvia Ginanni – sia per l’impegno delle amministrazioni locali a favorire investimenti su energie rinnovabili, sia perché, nel caso specifico, si concretizza nel riutilizzo e nella messa in valore di quella che è stata una discarica di rifiuti. Operazioni come quella di Bulicata vanno nella direzione indicata dalla Regione Toscana, che proprio nei siti produttivi e nelle aree dimesse individua i luoghi ideali per la realizzazione di questa tipologia di impianti”.
“L’amministrazione comunale si è impegnata a promuovere la realizzazione di questo impianto fotovoltaico, – aggiunge l’assessore Mario Tuci – prevedendo l’utilizzo dell’area della ex discarica di Bulicata, di proprietà comunale, area che è già in gestione a Publiambiente, che controlla lo stato di andamento della fase di dismissione della discarica stessa. L’utilizzo di fonti rinnovabili per la creazione di energia è uno degli impegni che
ogni amministrazione, a partire dagli enti locali, deve avere, per concorrere a quell’obbiettivo generale, mondiale, di riduzione delle emissioni di anidride carbonica ed alla creazione quindi di un sistema energetico che sia sempre meno dipendente da prodotti petroliferi”.
“La Provincia è da sempre attenta e favorevole alle iniziative che attengono alle fonti di energia rinnovabile. – afferma l’assessore Rino Fragai – Questo impianto fotovoltaico, in particolare, è il primo ad essere stato autorizzato su di una discarica, pur se in fase di post chiusura. Per il rilascio dell’autorizzazione sono state necessarie particolari prescrizioni in merito alla gestione del cantiere e alla fase di produzione di energia, tra le quali la piantumazione della scarpata interessata dai lavori, con essenze autoctone arbustive tipiche, un monitoraggio costante della vegetazione e del microclima e una attenta valutazione dell’impatto acustico. Un sito quello di Bulicata, insomma, che potrà venire recuperato e valorizzato in maniera sostenibile”.
L’impianto sarà costituito da ben 4.320 moduli fotovoltaici, tutti inclinati di 30 gradi rispetto al piano orizzontale e rivolti verso sud. Come detto il nuovo sistema di pannelli per la
produzione di energia pulita prodotta direttamente dal sole, si stima potrà generarne oltre 1 milione di chilowatt ora all’anno. In termini di costi, indicativamente la Step dovrà realizzare un investimento iniziale di 4 milioni e mezzo e si ipotizza per contro un ricavo netto annuo di 430mila euro. Come sottolineato anche dall’amministratore unico di Step Alfio Fedi, questo tipo di intervento, che potrà essere redditivo solo sul lungo periodo, può
essere realizzato soltanto grazie al contributo pubblico.
Ora che l’impianto ha ottenuto l’autorizzazione della Provincia, la Step provvederà ad indire un bando di gara già questa estate per potere individuare la ditta che materialmente costruirà il sistema a pannelli. Si conta di avviare il cantiere a settembre e di essere pronti
a partire con la produzione di energia all’inizio del 2011.