• Articolo , 13 settembre 2008
  • Energia pulita in Alta Valtellina

  • La Cooperativa Ortofrutticola Alta Valtellina, COAV, ha iniziato a investire in ‘energia pulità costruendo un impianto fotovoltaico sopra uno degli otto capannoni della sede strategica di Tovo Sant’Agata (Sondrio), in via Roma 80. La realizzazione è stata affidata a Union Solar, società dello storico gruppo Union Glass. L’impianto è stato inaugurato domenica 14 settembre 2008, […]

La Cooperativa Ortofrutticola Alta Valtellina, COAV, ha iniziato a investire in ‘energia pulità costruendo un impianto fotovoltaico sopra uno degli otto capannoni della sede strategica di Tovo Sant’Agata (Sondrio), in via Roma 80. La realizzazione è stata affidata a Union Solar, società dello storico gruppo Union Glass. L’impianto è stato inaugurato domenica 14 settembre 2008, nell’ambito della manifestazione ‘Alta Rezia da Gustarè, ed è stato uno degli eventi clou della kermesse che è iniziata venerdì 12 con i festeggiamenti per il riconoscimento quale patrimonio UNESCO della Ferrovia Retica. A ‘premere l’interruttorè del generatore è stato l’assessore provinciale all’agricoltura Severino De Stefani, con i vertici COAV, il presidente Adelio Giovanni Contessa e il direttore Enrico Giacomelli, e il vicepresidente Union Solar Augusto Salzani.
COAV è da trent’anni una delle realtà economiche più rilevanti della regione, riunisce 400 soci ai quali liquida ogni anno un netto di circa 5 milioni che rappresentano per loro un importante contributo economico, se non l’unica entrata.
Nel corso di una conferenza stampa, Salzani di Union Solar ha spiegato che l’impianto di Tovo è costituito di “270 pannelli da 185 watt, posizionati sul tetto dell’edificio, con una potenza di 50 kW, che consentiranno un risparmio di 60.000 kWh l’anno e un significativo risultato anche in termini ambientali. Infatti, si avrà una riduzione dell’emissione di CO2 in atmosfera pari a circa 33 tonnellate annue”.
“COAV ha aderito al primo Conto Energia già 2 anni fa – ha spiegato poi il presidente COAV Contessa – e questo ci ha permesso di godere della vantaggiosa tariffa incentivante di 0,49 euro. Dal nostro impianto contiamo pertanto di avere un beneficio economico di circa 45mila euro all’anno, considerando un ricavo di 30mila euro e un risparmio sull’energia consumata di 15mila”.
“Sappiamo – ha continuato il presidente – quanto la responsabilità che la cooperativa ha verso soci e la nostra regione e il nostro impegno è di aiutare chi ci dà fiducia a migliorare sempre in efficacia ed efficienza. In tale sforzo, abbiamo attuato severi criteri di qualità sui prodotti e oggi abbiamo individuato nel fotovoltaico, una soluzione tecnologica ideale per sfruttare al meglio le potenzialità che l’ambiente ci offre. In un certo senso è stata una scelta dovuta, perché è connaturata all’amore per la natura che ci guida nelle nostre attività agricole. Per questo abbiamo voluto presentare ufficialmente il nuovo impianto proprio durante l’evento ‘Alta Rezia da Gustarè, che siamo onorati di ospitare sempre in settembre e che nel 2007 ha attirato oltre 10mila visitatori, dalla Lombardia e dalla Svizzera: l’Alta Valtellina ha mostrato così il rispetto e la cura del territorio oltre che con i suoi ottimi prodotti enogastronomici anche con l’impegno nel fotovoltaico.” E ha concluso: “Abbiamo selezionato Union Solar fra diverse società perché ci ha fatto la migliore offerta in termini di qualità ed economici. L’impianto è stato realizzato in un tempo record di 2 mesi senza intoppi. Union Solar si è fatta carico di risolvere le complesse pratiche burocratiche e le autorizzazioni indispensabili per avviare il sistema e adesso ci auguriamo che COAV possa essere d’esempio anche per altre realtà della nostra regione”. A soci e amici della cooperativa che fossero interessati all’energia solare, Union Solar ha promesso di riservare facilitazioni e condizioni speciali.