• Articolo , 27 luglio 2010
  • Energia sostenibile, Raimondi:”Aiutiamo i Comuni a sviluppare i loro piani”

  • Il Consiglio regionale ha approvato oggi a larga maggioranza un ordine del giorno di sostegno agli interventi per lo sviluppo dell’energia sostenibile, nel quale si cita come esperienza “modello” il “Patto dei sindaci” firmato a Bruxelles il 4 maggio scorso dai primi cittadini di moltissime città europee (tra cui alcune centinaia lombardi) e in cui […]

Il Consiglio regionale ha approvato oggi a larga maggioranza un ordine del giorno di sostegno agli interventi per lo sviluppo dell’energia sostenibile, nel quale si cita come esperienza “modello” il “Patto dei sindaci” firmato a Bruxelles il 4 maggio scorso dai primi cittadini di moltissime città europee (tra cui alcune centinaia lombardi) e in cui si chiede lo stanziamento di 5 milioni di euro a favore dei Comuni per realizzare interventi e politiche in questo senso.
Piena condivisione ai contenuti dell’ordine del giorno – presentato dall’Udc e votato anche dai partiti di maggioranza – è stata espressa dall’assessore all’Ambiente, Energia e Reti della Regione Lombardia, Marcello Raimondi.
“Il ‘Patto dei sindaci’ – ha sottolineato Raimondi – è un’iniziativa che ha coinvolto numerosissimi comuni lombardi e che ha il grande merito portare all’attenzione e indicare soluzioni su un tema, come quello della riduzione dei gas serra e dello sviluppo dell’energia sostenibile, su cui si giocherà il futuro della nostra economia”.
“Per questo – ha aggiunto l’assessore – ho appoggiato con convinzione l’ordine del giorno presentato oggi in Consiglio regionale e assicuro l’impegno mio personale e della Giunta a mettere in campo tutti gli interventi di supporto ai Comuni perché possano realizzare azioni di sviluppo dell’energia sostenibile”.
“D’altra parte – ha concluso Raimondi – questa è la direzione che Regione Lombardia ha scelto da tempo, come dimostra ad esempio il ‘Piano per una Lombardia sostenibile’ lanciato dal presidente Formigoni lo scorso anno che prevede lo stanziamento di importanti risorse per azioni sull’energia, la mobilità e le nuove tecnologie”.