• Articolo , 13 aprile 2010
  • Energia wireless, il sogno di Tesla è sempre più reale

  • Si chiama WiTricity ed è il progetto con cui il MIT intende portare sul mercato un’innovativa tecnologia per la trasmissione energetica. Nato nel 2007 può contare oggi su nuovi ed importanti risultati

La trasmissione dell’energia in modalità ‘senza fili’ non è più un’opzione fantascientifica ma una branca di ricerca attiva e, stando alle ultime notizie che arrivano dal MIT, anche particolarmente promettente.
Il principio di base risale in realtà ad oltre un secolo fa, agli studi condotti da Nikola Tesla e altri pionieri dell’energia elettrica, teorie, speculazioni e prime invenzioni in cui s’indagava la possibilità di inviare energia elettrica utilizzando campi magnetici. E proprio dal principio dell’induzione magnetica che non necessita di contatto fisico tra fonte di energia ed oggetto ripartì, nel 2006, il lavoro degli scienziati dell’Istituto del Massachussettes mediante l’avvio dell’innovativo progetto *WiTricity*, crasi dei termini inglesi wireless ed electricity.
Allora il risultato fu quello di riuscire a trasmettere tra due punti un fascio di elettricità, al pari di un’onda radio, arrivando ad accendere una lampadina da 60 Watt. Ma per le proficue menti del MIT, migliorarsi è la parola d’ordine e a tre anni dai primi successi i ricercatori hanno portato a termine un nuovo lavoro pubblicato nell’Applied Physics Letter dimostrando che l’efficienza del sistema di trasmissione dell’energia migliora notevolmente quando impiegato per caricare più dispositivi contemporaneamente.
Nell’originale proof-of-concept messo a punto nel 2007, sia il trasmettitore che il ricevitore consistevano in bobine di circa due metri e mezzo disposte a poco meno di due metri di distanza. Il nuovo sistema consta ora di un trasmettitore leggermente più grande a fronte di una riduzione delle dimensioni dei ricevitori di circa 30 cm. La struttura funziona mediante la creazione di una forte risonanza elettromagnetica tra le bobine, similmente a quanto accade ad un diapason che inizia vibrare quando esposto ad un suono della giusta frequenza, o nello stesso modo in cui un’antenna radio riesce a sintonizzarsi sulla frequenza di un’unica stazione fra tutte quelle che inviano contemporaneamente i propri segnali di radiodiffusione.
Anche se previsto dalla teoria, l’aumento di efficienza in relazione all’accensione sincrona di due dispositivi non era stato precedentemente dimostrato negli esperimenti. Una differenza che si tradurrebbe in 10 punti percentuali in più. Per il team la spiegazione è semplice: più unità rafforzano il campo elettromagnetico entrando in risonanza l’una con l’altra e determinando un miglioramento dell’efficienza della trasmissione energetica. In altre parole da un valore del 20% registrato per un rapporto ricevitore-trasmettitore di 1:1 si passa al 30% per un rapporto di 1:2, salendo ad ogni aggiunta verso un limite teorico del 100 per cento. La quantità d’energia trasmessa negli ultimi esperimenti è stato dell’ordine di 100 Watt, ma André Kurs, dottorando presso il Dipartimento di Fisica del MIT e autore dello studio, si dice convinto che a limitare il sistema sia solo l’amplificatore istallato nella bobina di trasmissione, e posa dunque essere una variabile facilmente aumentata. “Potrebbero essere diverse centinaia di watt, o addirittura un kilowatt”, abbastanza per alimentare differenti dispositivi domestici tutti in una volta. “Si potrebbe alimentare ad una stanza di medie dimensioni fornendo elettricità ad dozzina di dispositivi”. “WiTricity”:http://www.witricity.com/ è anche il nome dell’omonima società nata sempre nel 2007 con l’obiettivo di portare l’invenzione sul mercato nel più breve tempo possibile, anche se sono stati preventivati ancora diversi anni di indagine. Oltre a lavorare sulla riduzione delle bobine di ricezione, gli ingegneri stanno anche cercando di migliorare il sistema di messa a punto dei dispositivi per renderlo completamente automatizzato e dunque ottenere la massima efficienza. Ma come riporta in calce l’elaborato degli scienziati Tesla sarebbe senza dubbio soddisfatto dei progressi.