• Articolo , 7 gennaio 2008
  • Energie rinnovabili, la Regione Piemonte vuole essere al primo posto

  • I buoni propositi della Regione Piemonte in campo energetico: raggiungere l’indipendenza energetica entro il 2030 grazie agli investimenti programmati per lo sviluppo delle energie rinnovabili. Il Piemonte è la Regione europea che ha destinato più risorse al comparto. Lo ha affermato la presidente della Regione Piemonte, Mercedes Bresso, nel corso della conferenza stampa di fine […]

I buoni propositi della Regione Piemonte in campo energetico: raggiungere l’indipendenza energetica entro il 2030 grazie agli investimenti programmati per lo sviluppo delle energie rinnovabili. Il Piemonte è la Regione europea che ha destinato più risorse al comparto.
Lo ha affermato la presidente della Regione Piemonte, Mercedes Bresso, nel corso della conferenza stampa di fine anno.”Siamo – ha spiegato la presidente – la Regione europea che ha stanziato più risorse per lo sviluppo di fonti rinnovabili – un terzo di quelle assegnatici attraverso il Fondo europeo di sviluppo regionale – e il nostro obiettivo è raggiungere l’indipendenza energetica entro il 2030, con conseguenti ricadute positive sia sulla salute e la qualità della vita dei cittadini sia sull’occupazione e il reddito dei piemontesi”.I buoni propositi della Regione si concretizzeranno in azioni concrete?
Sembra proprio di sì. “Il 21 marzo 2008 – ha dichiarato Bresso – si avvieranno i lavori degli Stati generali dell’energia, che serviranno a lanciare la mobilitazione a tutti i livelli: amministrazioni, imprese, artigiani e cittadini, tutti insieme dobbiamo contribuire alla realizzazione di questo ambizioso progetto.”
Fra gli altri, Jeremy Rifkin, l’economista fra i massimi esperti internazionali in materia di ambiente ed energie rinnovabili, sarà presente in regione a sostenere il programma.
Che si presenta, pare, assai nutrito.
Prima dell’estate, promessa di Presidente, sarà infatti pronto il primo prototipo di auto solare, a cui stanno lavorando Politecnico e Centro di Ricerche Fiat.
Già in fase di sperimentazione poi diversi modelli di interventi per il risparmio energetico nell’edilizia, tema che dovrebbe essere al centro del prossimo Congresso mondiale degli architetti (Transmitting Architecture, Torino, 28 giugno-3 luglio 2008).
Per attirare inoltre l’insediamento di aziende in grado di lavorare nel campo delle energie rinnovabili la Regione intende avvalersi dello strumento dei contratti di insediamento com’è già avvenuto nel caso della Silfab, che a Borgofranco d’Ivrea, in un’area industriale dismessa, avvierà per la prima volta in Italia la produzione di polysilicon di grado solare di alta qualità.