• Articolo , 24 novembre 2009
  • Eni metanodotto Algeria Sardegna

  • Cagliari, 23 nov. – (Adnkronos) -”Serve un confronto immediato per il coinvolgimento trasparente del tessuto economico sardo. l metanodotto Algeria Sardegna Italia e’ la piu’ importante opera strategica per il futuro della Sardegna come ponte strategico tra il Mediterraneo e l’Europa”. Lo ha detto il deputato sardo del Pdl Mauro Pili, a margine del convegno […]

Cagliari, 23 nov. – (Adnkronos) -”Serve un confronto immediato per il coinvolgimento trasparente del tessuto economico sardo. l metanodotto Algeria Sardegna Italia e’ la piu’ importante opera strategica per il futuro della Sardegna come ponte strategico tra il Mediterraneo e l’Europa”. Lo ha detto il deputato sardo del Pdl Mauro Pili, a margine del convegno sul progetto Galsi svoltosi stamane a Cagliari.
”Ora piu’ che mai bisogna rilanciare lo spirito con il quale nel 2003 facemmo nascere il progetto Galsi – ha detto Pili che allora firmo’, da presidente della Reigone, la nascita della societa’ e l’avvio del progetto – con la Sardegna protagonista del metanodotto, sia sul piano progettuale che realizzativo e gestionale”.
”Stupisce non poco la presenza al tavolo della Snam rete gas – dice Pili. L’Eni e’ sempre stato acerrimo nemico del metanodotto ed oggi riesce, attraverso la Galsi, a vedersi affidata la realizzazione del progetto sia in mare che a terra, compresa la candidatura per le interconnessioni verso i bacini territoriali. Questo e’ una novita’ importante, conoscendo le capacita’ tecniche della Snam, ma e’ anche una questione che deve essere assolutamente esaminata in tutti i suoi aspetti”