• Articolo , 18 gennaio 2010
  • Eni potrebbe lasciare Snam?

  • Circa la metà del debito netto del gruppo Eni, ovvero 20 miliardi di euro. fa parte delle cosiddette attività regolate e Scaroni sta valutando l’ipotesi di alienare Snam, o almeno, vendere una parte consistente della partecipazione L’ipotesi è corroborata dal fatto che e nel corso degli anni è stato proprio l’entità del debito a negare […]

Circa la metà del debito netto del gruppo Eni, ovvero 20 miliardi di euro. fa parte delle cosiddette attività regolate e Scaroni sta valutando l’ipotesi di alienare Snam, o almeno, vendere una parte consistente della partecipazione
L’ipotesi è corroborata dal fatto che e nel corso degli anni è stato proprio l’entità del debito a negare da parte del consiglio di amministrazione il dividendo, con grave disappunto da parte dei grandi azionisti.
Quindi l’ipotesi più probabile resta quella della cessione da Eni alla controllata Snam dei gasdotti esteri, in questo modo renderebbe per più leggera la propria quota in rete gas. Con il ricavato di tale operazione Eni potrebbe affidarsi alla Cassa Depositi e prestiti del mercato, trasformandosi così in una tipica “Oil Company” come la British Petrol.