• Articolo , 1 dicembre 2008
  • Eolico: 948 milioni di euro al vento in Australia

  • Costeranno 948 milioni di euro e saranno 7 gli impianti eolici che la Union Fenosa Wind Australia prevede di costruire in Australia. L’obiettivo è quello di avvicinarsi quanto più possibile alle disposizioni del Protocollo di Kyoto

L’investimento comporterà l’impiego di 948 milioni di euro e permetterà di costruire in Australia sette impianti eolici, con l’obiettivo di produrre almeno il 20% del fabbisogno elettrico in Australia da fonti rinnovabili entro il 2020. La società che permetterà tutto questo è la Union Fenosa Wind Australia anche facilitata da una nuova situazione dal punto di vista normativo che non solo applica il Protocollo di Kyoto ma istituisce gli incentivi, e ne disciplina l’utilizzo, necessari per la sua applicazione. A dare l’annuncio dell’ambizioso progetto è stato il Ministro australiano per il Commercio, Simon Crean, cui si aggiunge il sostengno del responsabile della sede australiana della società spagnola Union Fenosa, Hermenegildo Franco, il quale vede nel territorio australiano un grande potenziale inutilizzato fino ad ora. Quanto alla portata del progetto in termini energetici, si prevede l’installazione di una potenza totale di 850MW, contro i 1.000 MW installati in Spagna dalla stessa società spagnola. Un altro importante aspetto è quello relativo alla creazione di nuovi posti di lavoro, 265 in totale, di cui però 225 saranno temporanei, in quanto destinati alla costruzione degli impianti. La realizzazione di questi impianti sarà possibilie anche grazie all’acquisizione, avvenuta nel luglio scorso, della società locale Tme Australia da parte della Union Fenosa Wind Australia, acquisendo così anche i sette progetti.