• Articolo , 17 dicembre 2008
  • Eolico in Bulgaria: accordo per il parco più grande del Paese

  • 52 turbine e 156 MW di potenza prodotta per un totale di 270 milioni di euro. Peculiarità del progetto: non solo rispetto degli impegni politici, ma anche rispetto dell’ambiente e della fauna locale

Stipulato l’accordo per la costruzione del parco eolico più grande della Bulgaria. Si tratterà di un investimento da 270 milioni di euro di competenza della compagnia americana Aes Corporation in collaborazione con la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo, la Corporazione Finanziaria Internazionale e UniCredit. Il grande parco chiamato ‘Sveti Nikola’ sorgerà nei pressi della città di Kavarna sul Mar Nero; dal punto di vista strutturale si prevede l’installazione di 52 turbine per una potenza complessiva prodotta di 156 MW. Dal punto di vista della gestione, al termine della costruzione, l’impianto passerà nelle mani della Aes Geo Energy che nell’arco di tempo di 12 anni venderà l’energia elettrica prodotta alla compagnia elettrica bulgara a prezzi differenziali. Particolare attenzione è stata posta nei confronti dell’impatto ambientale dell’impianto, soprattutto per quanto riguarda il rispetto delle rotte migratorie degli uccelli, fra le quali la ‘Via Pontica’ che transita proprio vicino a Kavarna. L’accordo ben si colloca all’interno di una politica nazionale che ha dichiarato il suo impegno alla UE a produrre il 16% dell’energia elettrica da fonti rinnovabili entro il 2020. Allo stato attuale, in Bulgaria, i parchi eolici esistenti e le centrali idroelettriche disponibili contribuiscono a produrre meno dell’8% dell’elettricità.