• Articolo , 5 maggio 2010
  • Eolico off-shore: così la Francia cambia rotta

  • Annunciato dal Governo il via libera all’istallazione degli impianti off-shore, capaci di produrre oltre 3.000 MWh di energia. Entro l’estate del prossimo anno verranno valutate le offerte delle aziende

(Rinnovabili.it) – Il ministro dell’Ambiente francese Jean-Louis Borloo ha annunciato che a breve verranno istallati nel suo paese dieci nuovi impianti eolici off-shore. L’annuncio ufficiale del via libera all’istallazione delle turbine è stato dato dal portavoce governativo Luc Chatel. Nonostante il forte impegno del governo transalpino sul fronte della produzione di energia nucleare, alcuni passi decisivi sulla strada delle rinnovabili sono stati finalmente compiuti, come, del resto testimonia questo annuncio.
Un impegno che sarà destinato a proseguire visto che, entro settembre, il ministro Borloo comunicherà le offerte arrivate per la costruzione di impianti off-shore dalla capacità di oltre 3.000 megawatt. Offerte che verranno valutate e selezionate durante l’estate 2011, come è stato comunicato da Chatel dopo l’ultima riunione di Gabinetto a Parigi.
La Francia, infatti, entro i prossimi dieci anni, ha intenzione di produrre 6.000 MWh grazie agli impianti eolici off-shore incrementando la generazione di energia da tutte le fonti rinnovabili visto che, solo nello scorso anno, sul territorio francese sono stati ottenuti circa 4.492 megawatt di potenza grazie agli impianti eolici. Un buon successo quindi, ma i “cugini francesi” sono ancora lontani dai risultati della Germania, leader nell’eolico per il mercato dell’Unione Europea secondo l’ _European Wind Energy Association_.