• Articolo , 26 ottobre 2009
  • Eolico: un impianto per ripopolare il territorio molisano

  • Un parco eolico per riportare la linfa a Ururi, piccolo centro del basso Molise. E’ questa l’originale idea del sindaco che darà incentivi destinati al pagamento degli affitti ai nuovi residenti

(Rinnovabili.it) – Antonio Cocco, sindaco di Ururi, paesino del basso Molise, sta lottando contro lo spopolamento della zona da lui amministrato attraverso un’interessante quanto insolita iniziativa: verranno consegnati degli incentivi per il pagamento dell’affitto a tutte le famiglie che vorranno trasferirsi ad Ururi, che attualmente conta 3580 residenti.
Il motivo, come spiega il sindaco stesso, è che il paese si è nel tempo spopolato e l’operazione, fornendo la possibilità di pagare parte dell’affitto, dovrebbe poter far raggiungere l’obiettivo prefisso di dare nuova vita al territorio. “Con il parco eolico che noi abbiamo approvato e sarà realizzato dalla società Andromeda, siamo intenzionati a rilanciare l’economia di questa zona”, ha dichiarato Cocco.
Il sindaco impiegherà parte dei fondi che entreranno nelle casse dell’amministrazione comunale per contribuire a fornire quote d’affitto. Il parco, programmato per il prossimo anno e realizzato dalla “Andromeda Wind”, sarà composto da 13 aerogeneratori e potrà in tal senso rivalutare il territorio.
La speranza del sindaco Cocco è quella di rimettere in moto l’economia del paese spingendo le famiglie che vivono nella vicina cittadina di Termoli a spostarsi in un piccolo paese, ricevendo un sostegno economico. La rivalutazione energetica della zona dovrebbe portare anche delle migliorie alle principali assi della viabilità, come mossa consecutiva all’istallazione di un cavidotto interrato per collegare i pali eolici di San Martino in Pensilis e Ururi con la sottostazione Enel di Larino.
Il pericolo dell’eolico “selvaggio” preoccupa il sindaco, ma con qualche precisazione: “La zona scelta per questo impianto è molto impattante, avremmo preferito un altro luogo. Tra l’altro siamo già circondati da altri impianti eolici di altri paesi come Rotello, Montorio e Montelongo. Devo anche dire, però, che dal parco di Sorgenia avremo degli indubbi vantaggi”. “Il Comune di Ururi – prosegue Cocco – avrà un ristoro economico pari a ottanta mila euro l’anno mentre San Martino quarantamila euro l’anno. Con questi fondi abbiamo intenzione di realizzare impianti sportivi per i giovani, piste ciclabili ed una serie di servizi per gli anziani. I soldi saranno utilizzati prevalentemente per il sociale”.