• Articolo , 11 novembre 2010
  • EPA: i grandi inquinatori? Liberi di scegliere come diventare green

  • Niente norme troppo rigide, ma l’obbligo di ridurre le emissioni dannose rimane. Dall’EPA maggiore libertà di scelta e un memorandum delle clean tech disponibili per i grandi impianti inquinanti che potranno decidere liberamente il percorso green da seguire

(Rinnovabili.it) – I Regolatori ambientali statunitensi hanno affermato di non avere alcuna intenzione di costringere i grandi impianti inquinanti ad adottare tecnologie specifiche per il taglio delle emissioni, bensì li spingeranno esclusivamente al rispetto delle regole che invitano all’efficienza energetica e alla salvaguardia del clima.
La notizia diffusa dall’EPA, l’Environment Protection Agency statunitense, ha alleviato così molte delle preoccupazioni che stavano affliggendo le industrie, impegnate nella corsa alle clean-tech nonostante la scarsa disponibilità economica e i ristretti margini temporali. Grazie alle nuove decisioni prese dall’Agenzia i grandi emettitori potranno, a partire dal 2 gennaio 2011, ottenere su richiesta i certificati per la produzione di emissioni e decidere in autonomia quali accorgimenti adottare per favorire la sostenibilità.
“Siamo convinti che questo approccio nella maggior parte dei casi porterà a miglioramenti nell’efficienza energetica”, ha dichiarato Gina McCarthy, uno degli amministratori EPA.
Per rendere più semplice la conversione delle industrie, l’EPA ha realizzato una sorta di guida che fornirà maggiori informazioni sulle tecnologie a disposizione sul mercato, in modo che ogni società possa scegliere la migliore per i propri scopi, rendendo invece obbligatorie le normative ecologiche per gli impianti in costruzione o per le espansioni di edifici già esistenti. In accordo con le autorità locali, che daranno assistenza nella scelta della tecnologia più efficace a seconda dei bisogni e renderanno più semplice ed agevole il passaggio da grandi inquinatori a soggetti meno impattanti.