• Articolo , 30 marzo 2010
  • Epia: splende il sole sul mercato mondiale del fotovoltaico

  • Riuniti a Roma in occasione del 5° Workshop su potenzialità di mercato e capacità produttiva, i membri dell’associazione europea hanno discusso i risultati per il 2009 e le previsioni fino al 2014

(Rinnovabili.it) – Il 2009 è stato segnato da crisi economica finanziaria importante ma nonostante tutto il comparto del fotovoltaico è riuscito ancora una volta a superare se stesso e a livello mondiale, con i nuovi 6,4 GW aggiunti, a superare i 20 GW di capacità istallata totale. A fare il quadro della situazione sono stati gli esperti riuniti a Roma in occasione del 5° Workshop on Market Potential and Production Capacity di Epia. La leadership indiscussa tocca ancora una volta all’Europa.
Con una capacità cumulativa installata di quasi 9 GW, di cui circa 3 GW installati nel 2009, la Germania rimane il mercato fotovoltaico più grande al mondo anche se il taglio del Feed-in-tariff recentemente annunciato, ritengono gli esperti, dovrebbe incidere in maniera significativa sullo sviluppo dell’industria nazionale nel lungo periodo. Nel medio termine, l’Italia appare come uno dei mercati più promettenti, al secondo posto nella classifica internazionale grazie alle sue ottime condizioni di irradiazione e a quello che sarà il nuovo Conto Energia di prossimo annuncio.
Anche la Repubblica Ceca ha mostrato una crescita importante nel 2009 europeo con 411 MW installati, ma, a causa di regimi di sostegno eccessivamente generosi, le aspettative sono quelle di una riduzione del mercato per il 2011 dopo un altro anno di forte crescita nel 2010. “Ciò sottolinea la necessità imperativa di meccanismi di sostegno progettati in modo da garantire una stabilità e sostenibilità a lungo termine”, spiega Adel El Gammal, Segretario Generale di EPIA.
Grazie ad una forte volontà politica, il Belgio ha fatto il suo ingresso nella TOP 10 mercati con 292 MW installati nel 2009. Al di fuori dell’Europa, il terzo e quarto posto vanno rispettivamente a Giappone con 484 MW e Usa finalmente decollati in maniera significativa, con circa 475 MW installati nel 2009. E anche grazie alle potenzialità di sviluppo di India e Cina il futuro del comparto, spiega Epia, dovrebbe apparire più che luminoso. Le previsioni elaborate mostrano che alla fine del 2010 si potrebbero aggiungere tra gli 8,2 e i 12,7 GW di nuovi impianti assumendo, rispettivamente, uno scenario di sviluppo moderato e uno ‘politicamente guidato’ e rappresenterebbe una crescita del 40% e il 60% della capacità complessiva installata cumulativa rispetto al 2009.