• Articolo , 29 settembre 2009
  • Epifani (Cgil): clima, la Ue deve trovare una sola voce

  • Secondo il segretario della Cgil l’ultimo vertice del G20 di Pittsburg ha reso evidente la divisione interna dell’Unione europea, mentre l’Italia era addirittura inesistente.

(Rinnovabili.it) – Guglielmo Epifani, ha concluso la conferenza organizzata dalla Cgil sul “Piano Solare nel Mediterraneo”:http://www.rinnovabili.it/piano-solare-del-mediterraneo-una-promessa-da-20-gw-401987, dedicata alle energie rinnovabili.
Evocando i risultati del G20 di Pittsburg e della prossima Conferenza di Copenhagen, Epifani ha fatto notare che il passo avanti della Cina c’è stato ma non è stato risolutivo, e quindi a maggior ragione nel prossimo vertice prima bisogna che i paesi protagonisti trovino un accordo comune e condiviso.
“A Pittsburg – ha fatto notare Epifani – era evidente lo spostamento del baricentro. Non parlo dell’Italia, che era totalmente inesistente, ma dell’Europa che deve trovare una unitarietà”.
Nel G20, ha poi sottolineato il segretario, l’Europa deve avere una voce unica, pena essere scavalcata, nelle decisioni, anche dai paesi emergenti. In un contesto di G20 permanente, senza considerare che se Usa e Cina trovano un accordo è comunque finita, c’é il pericolo che i paesi emergenti rendano l’Unione Europea marginale.