• Articolo , 30 maggio 2011
  • Esperimenti di sviluppo urbano sostenibile in Giappone

  • Nove aziende e la città di Fujisawa collaboreranno per implementare il concetto di città intelligente. Cavalli di battaglia del progetto: tetti fotovoltaici e accumulatori domestici

(Rinnovabili.it) – Una città intelligente ed autosufficiente, con soluzioni hi-tech e ad alta sostenibilità, che faccia da modello per il futuro sviluppo urbano. Questo in poche parole il cuore di _“Fujisawa Sustainable Smart Town”,_ il progetto promosso da Panasonic Corporation e otto altre aziende nipponiche in collaborazione con l’amministrazione di Fujisawa, città nella prefettura di Kanagawa, situata a circa 50 km a ovest di Tokyo. L’accordo dietro al progetto è stato firmato lo scorso anno con l’obiettivo di dar vita ad una smart-city sul lotto vacante dell’ex-fabbrica di Panasonic entro marzo 2014: 19 ettari di terreno che diventeranno la casa s di circa 3.000 persone.

Gli sviluppatori, i produttori e i fornitori di servizi lavoreranno in stretta collaborazione in ogni fase del progetto per creare un modello urbano avanzato, vetrina di un uso efficiente dell’energia in grado di proporre nuove soluzioni che integrino le misure per la produzione di energia, a quelle di stoccaggio e di gestione. In particolare, la Panasonic prevede di preinstallare i suoi sistemi fotovoltaici e gli accumulatori elettrici in tutta la città. Sulla lista degli “Elementi in esame” troviamo inoltre piani per il car sharing (elettrico, ovviamente), turbine eoliche, strategie per favorire gli spostamenti a piedi e software di domotica che aiuti tutti gli edifici in città a consumare meno energia. Nessuna parola ancora invece sui pochi fortunati che sperimenteranno la prima eco-città nipponica.